A Pistoletto 'ordine della Minerva' dell'ateneo 'd'Annunzio'

Cerimonia a Chieti. Poi insieme a Mogol firma 'libro d'onore'

(ANSA) - CHIETI, 11 DIC - "Questo per me è un riconoscimento importante e interessante proprio per il tipo di lavoro che faccio, che ho realizzato nel tempo e che consiste nel mettere l'arte e la scienza in collegamento, l'arte come fenomeno di libertà e di responsabilità. E nello stesso tempo la scienza è un fenomeno di sviluppo della società. Quindi mettere scienza e arte significa occuparti anche di società, oltre che di se stessi". Lo ha detto all'ANSA Michelangelo Pistoletto che oggi a Chieti ha ricevuto l'Ordine della Minerva dal rettore dell'Università 'D'Annunzio', Sergio Caputi.
    "È la prima volta che metto piede in questa realtà universitaria - ha detto il pittore e scultore - e l'impressione è di un'estrema attenzione, gentilezza, cortesia e soprattutto interesse per le cose importanti dell'arte". Infine, un messaggio agli studenti: "I giovani che studiano sono quelli che hanno in mano il mondo del futuro, quindi dobbiamo dare loro solo strumenti che devono utilizzare al meglio per fare veramente nascere una società nuova: ce n'è bisogno".
    Alla cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico ha partecipato anche Mogol, amico di Pistoletto, che ha ricevuto la Minerva nel 2018: prima della cerimonia i due hanno firmato il libro d'onore della 'd'Annunzio'. Il ministro dell'Istruzione, Lorenzo Fioramonti, che nei giorni scorsi aveva comunicato di non poter partecipare alla cerimonia, ha inviato una lettera.
    "E' cruciale - scrive - che si espanda la platea dei giovani che scelgono di seguire un percorso universitario. Un percorso di studi avanzato è fondamentale per sviluppare capacità di giudizio critico e autonomo che permetta di adottare una visione moderna dello società basata sulla valorizzazione delle diversità e della condivisione, contrastando gli attacchi manipolatori di chi vuole indebolire il Paese fomentando divisioni e conflitti. La condizione attuale del sistema universitario non è immune dalle crisi che colpiscono la società nel suo complesso. La mia missione come ministro - scrive ancora Fioramonti - è mitigare gli effetti negativi che decenni di disinteresse e sottofinanziamento hanno prodotto sulla scuola, la ricerca e l'alta formazione". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere