Bain: da economia a 0 emissioni potenziale 15mila mld dlr

In Italia opportunità da nuovi combustibili e idrogeno verde

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il raggiungimento di un'economia a zero emissioni di CO2 potrebbe avere un potenziale giro d'affari da 15.000 miliardi di dollari, secondo un'analisi di Bain & Company. Ma pone "sfide considerevoli sul piano strategico e organizzativo" visto che, "con le attuali politiche ambientali, al 2050 genereranno ancora circa 15 miliardi di tonnellate di CO2", si legge in una nota.
    L'analisi stima in 10 mila miliardi di dollari gli investimenti negli impianti necessari perché la produzione di energia rinnovabile passi dall'attuale 17% al 65% dei consumi di energia primaria. Altri 3 mila miliardi andranno investiti per portare i consumi energetici finali di combustibili "carbon neutral" oltre la quota del 10% mentre 2.000 miliardi di dollari è il giro d'affari stimato per l'economia circolare nel 2030.
    Bain & Co giudica, per l'Italia, "imprescindibile concentrare gli sforzi sull' innovazione tecnologica e su una decisa semplificazione del contesto normativo e regolatorio".
    "Nell'accelerazione globale verso la net zero economy, l'Italia può e deve giocare un ruolo di primo piano", afferma il managing director di Bain & Company per Italia e Turchia, Roberto Prioreschi.
    Mentre il partner di Bain & Company e responsabile EMEA per la practice Energy & Natural Resources. Alessandro Cadei, indica "tra le aree più interessanti, le nuove tecnologie in ambito fotovoltaico o le bioenergie 'a basso impatto', quali quelle di origine organica, circolari da materie plastiche e idrogeno low-zero carbon". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA