Covid, giudice 'sfratta' ditta in crisi malgrado proroga dpcm

A Napoli. Avvocati: "dovrebbe far rispettare la legge invece..."

(ANSA) - NAPOLI, 24 GEN - Una azienda in crisi a causa della pandemia è stata sfrattata a Napoli malgrado il Milleproroghe approvato lo scorso 31 dicembre preveda la proroga della sospensione dell'esecuzione dei provvedimenti di sfratto per morosità fino al prossimo 30 giugno. A prendere la decisione è stato un giudice del Tribunale partenopeo, lo scorso 18 gennaio.
    Gli avvocati Catia La Torraca e Amedeo Di Pietro, legali del titolare della società che lavora nel settore dell'informatica, hanno subito presentato appello alla decisione adottata dall'autorità giudiziaria ritenendola illegittima. E' pronto anche un ricorso al Consiglio Superiore della Magistratura alla cui attenzione viene posto il verdetto che rende esecutivo lo sfratto entro il 16 febbraio 2021.
    "Il titolare della società - spiegano La Torraca e Di Pietro - a causa delle conseguenze del lockdown, versa in una situazione finanziaria precaria. E' proprio per questo motivo, per dare supporto alle aziende che non appartengono alla cosiddetta 'fascia di bisogno principale', che la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha adottato la proroga. Troviamo singolare che un giudice - concludono - non solo ne tenga conto, ma faccia esattamente il contrario di quello che prevede la legge".
    Nell'istanza che gli avvocati hanno posto all'attenzione del presidente del Tribunale di Napoli Elisabetta Garzo, gli avvocati Catia La Torraca e Amedeo Di Pietro chiedono la sospensione urgente del provvedimento. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie