Salute: 600mila campani soffrono di emicrania

Nuova terapia al Policlinico Vanvitelli di Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 22 OTT - In Campania sono 600mila le persone che soffrono di emicrania e nella maggior parte dei casi si tratta di donne. A rendere noto lo stato della malattia in Campania è Antonio Russo, responsabile del Centro Cefalee del Policlinico Vanvitelli che ogni anno si occupa di circa 5mila pazienti. A livello nazionale l'emicrania, riconosciuta lo scorso luglio come malattia invalidante, colpisce 6 milioni di italiani e "il sommerso è numeroso".
    "L'emicrania - spiega Gioacchino Tedeschi, direttore della Clinica neurologica del Policlinico Vanvitelli - toglie qualità' di vita al paziente con ripercussioni sul sociale e sul lavoro".
    Sul fronte dei farmaci sono diversi quelli a disposizione tra cui la tossina botulinica, "unico farmaco approvato per il trattamento" che ha un'efficacia intorno al 70 per cento. "La grande novita' - sottolinea Tedeschi - e' che adesso ci sono gli anticorpi monoclonali contro il CGRP, molecola che viene rilasciata durante le crisi di emicrania. Anche dal punto di vista della somministrazione questi anticorpi sono 'comodi' perché si tratta di una volta al mese e, per quanto sappiamo fino ad ora, hanno una totale assenza di effetti collaterali e un'efficacia di circa il 75 per cento".
    "L'Aifa - prosegue - ci ha gia' detto che questi nuovi farmaci possono essere somministrati solo in pazienti che sono stati non responsivi a tre trattamenti precedenti e che hanno almeno otto crisi al mese. Saranno ugualmente in molti a chiedere di avere accesso a questa nuova terapia". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie