Ancora violenze su donne, ma 'sommerso' è aumentato

Difficili denunce in lockdown, con riaperture crescono nel 2020

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 3 LUG - Durante il lockdown i reati sono calati ma il fenomeno di femminicidi e maltrattamenti in famiglia è proseguito e anche adesso continua a preoccupare.
    Nonostante tutto è aumentato il sommerso per la difficoltà delle donne di denunciare mentre ora, con la fine del lockdown, si segnalano più episodi rispetto al 2019. E' l'analisi emersa dai dati messi sotto la lente di ingrandimento dalla Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio.
    Gli esiti delle singole indagini di varie associazioni e centri antiviolenza dedicati, sportelli codice rosa e case rifugio, mettono in evidenza che nel periodo del lockdown non si è registrato il solito incremento annuale del numero di nuove donne che hanno chiesto aiuto rispetto ai precedenti anni 2018 e 2019. Un fenomeno che viene attribuito all'oggettiva difficoltà per le donne di chiedere aiuto e sostegno, conseguente alle misure di contenimento adottate. A diminuire, infatti, più che i reati contro le donne sono state le denunce. Soprattutto per quanto riguarda i reati commessi in ambito domestico, con l'avvio della fase 2 e quindi con la progressiva riduzione dei limiti alla circolazione delle persone, si è poi registrato un aumento delle denunce per maltrattamenti rispetto a quelle rilevate nell'analogo periodo del 2019 (1.598 rispetto a 1.519).
    La Commissione ha anche raccolto nel suo report tutti risultati prodotti da varie fonti sul tema e in particolare quelli del Dipartimento Anticrimine della Polizia, rilevando che nel mese di aprile 2020 c'è stato un calo generale rispetto all'analogo periodo del 2019, passando da 32 omicidi a 16, e le vittime di sesso femminile passano da 12 a 5. Ma da uno sguardo più approfondito scatta l'sos. In quello stesso periodo di riferimento il numero di vittime di sesso femminile resta sostanzialmente invariato (45 nel 2019, 44 nel 2020): dunque, mentre nel 2019 le vittime donne costituivano il 32% degli omicidi totali, nel 2020 si attesta al 48%. Aumenta anche la percentuale degli omicidi commessi in ambito familiare che sale dal 45% del 2019 al 58% nel 2020. Ma soprattutto aumentano complessivamente le vittime di sesso femminile che passano da 36 a 40, la cui percentuale aumenta dal 57% al 75% delle vittime totali. C'è poi l'analisi dei cosiddetti reati spia, come i maltrattamenti, lo stalking e la violenza sessuale nella fase 2 e quindi con la progressiva riduzione dei limiti alla circolazione delle persone. E se le denunce per maltrattamenti mostrano valori superiori rispetto a quelli rilevati nell'analogo periodo dell'anno precedente, per quanto riguarda i reati di stalking e di violenze sessuali si registra nel mese di maggio 2020, un aumento rispetto al bimestre precedente, ma con valori complessivamente inferiori rispetto al maggio del 2019.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA