Università: studenti italiani scoraggiati su prospettive lavoro

Ma studiano molto. Covid ha inciso su salute mentale, sondaggio

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 26 FEB - Meno della metà (45%) degli studenti italiani si sente fiduciosa riguardo alle proprie finanze future, il secondo dato più basso di tutti i paesi intervistati dopo il Giappone (31%). In confronto, i paesi in cui gli studenti si dichiarano più fiduciosi sono Cina e Kenya (84%).
    Questo nonostante solo il 6% degli studenti italiani affermi di avere un debito o un prestito legato ai propri studi universitari, il dato più basso di qualsiasi paese intervistato insieme alla Russia (6%).
    Questi risultati sono tra quelli pubblicati oggi da Chegg.org, il braccio no profit della società edtech Chegg della Silicon Valley. Si basano su sondaggi di opinione approfonditi di Yonder (precedentemente nota come Populus) di quasi 17.000 studenti universitari di età compresa tra 18 e 21 anni in 21 paesi in tutto il mondo, tra cui 700 studenti in Italia. Il Chegg.org Global Student Survey è il sondaggio più aggiornato e completo sulla vita, le speranze e le paure degli studenti universitari in tutto il mondo nell'era COVID e oltre.
    Gli studenti italiani affermano di aver dedicato in media 27 ore a settimana allo studio durante il lockdown per Covid-19: si tratta del dato più alto di tutti i paesi intervistati, pari solo a Germania e Messico (entrambi 27 ore). Seguono Argentina (26 ore), Russia e Spagna (25 ore).
    Il 47% degli studenti italiani afferma di aver dedicato più tempo ai propri studi durante il lockdown rispetto a prima, contro solo il 23% che dichiara di avervi dedicato meno ore.
    Il sondaggio mostra inoltre che un quarto (25%) degli studenti italiani afferma che la propria salute mentale ha sofferto durante il periodo di Covid-19, il dato più basso di tutti i 21 paesi intervistati insieme alla Russia (29%).
    Al contempo, solo un terzo (33%) degli studenti italiani pensa che le minoranze etniche siano ben rappresentate nella loro università, il terzo dato più basso di qualsiasi paese intervistato dopo Corea del Sud (11%), Giappone (18%) e Malesia (25%).
    Oltre nove studenti italiani su 10 (92%) affermano che la loro università ha interrotto l'insegnamento in presenza durante la pandemia di COVID-19, il terzo dato più alto di tutti i paesi intervistati dopo Giappone (96%) e Brasile (93%).
    I risultati globali del sondaggio mostrano che gli studenti italiani sono d'accordo con i loro coetanei in tutti i 21 paesi quando si tratta di come l'istruzione superiore dovrebbe contemplare l'apprendimento online. Due terzi (65%) gli studenti di tutti i paesi intervistati affermano che preferirebbero che la loro università offrisse l'opzione di maggiore insegnamento online se ciò significasse pagare tasse universitarie più basse.
    In tutti i 21 paesi intervistati, il numero di studenti che preferirebbe che la propria università offrisse l'opzione di maggiore insegnamento online se ciò significasse pagare tasse più basse è significativamente maggiore rispetto agli studenti che non desiderano tale opzione. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA