Auto, segno positivo a luglio per il mercato dell'usato

Bene anche le moto di seconda mano, giù le radiazioni

Redazione ANSA

Ancora segno positivo a luglio per il mercato dell'usato, che nel settore delle due ruote conferma la crescita a due cifre già registrata nel mese di giugno, proseguendo pertanto il recupero delle gravi perdite che si sono verificate nei mesi di marzo e aprile. I passaggi di proprietà dei motocicli, al netto delle minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), hanno infatti chiuso il bilancio di luglio con una variazione positiva del 25,8% rispetto allo stesso mese del 2019, riducendo all'11,9% il calo complessivo accumulato nei primi sette mesi dell'anno.

Buoni risultati a luglio - secondo i dati resi noti dall'Aci - anche per i passaggi di proprietà delle autovetture che, al netto delle minivolture, hanno fatto registrare un incremento mensile del 7,8%, raddoppiando letteralmente le nuove iscrizioni: nel mese di luglio per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 212 usate (189 nei primi sette mesi del 2020).

Il mercato dell'usato ha premiato ancora una volta in termini percentuali soprattutto le auto elettriche e le propulsioni ibride, con significativi picchi di crescita per le auto ibride a gasolio (+176% i passaggi netti e +279% le minivolture) e per le trazioni totalmente elettriche (+122,7% i passaggi netti e +334% le minivolture). Un trend che trova riscontro anche nelle prime iscrizioni, laddove a dispetto del pesante calo complessivo, si sono evidenziate a luglio variazioni positive del 28% per le auto elettriche, del 125% per le ibride a benzina e del 41,6% per le ibride a gasolio.


 Nel periodo gennaio-luglio 2020 il mercato dell'usato rileva contrazioni complessive del 24,9% per le autovetture, dell'11,9% per i motocicli e del 22,1% per tutti i veicoli. 
In terreno negativo, invece, il bilancio mensile delle radiazioni,che rispetto al mese di luglio del 2019 hanno archiviato cali dell'11,6% per le autovetture e del 6,7% per i motocicli. Resta dunque pressoché inalterato il trend di crescita del parco circolante italiano: nel settore auto il tasso unitario di sostituzione risulta pari a 0,87 a luglio (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 87)e a 0,86 nei primi sette mesi dell'anno.

Nel periodo gennaio-luglio 2020 le radiazioni hanno messo a bilancio decrementi del 31,8% per le autovetture, del 28,1% per i motocicli e del 31,4% per tutti i veicoli.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie