Tper amplia flotta con 15 bus a gas naturale liquefatto

Investimento complessivo da 3,7 milioni di euro

Redazione ANSA BOLOGNA

Tper, azienda di trasporto pubblico attiva in Emilia-Romagna, scommette sulla sostenibilità e amplia la sua flotta di mezzi con 15 autobus alimentati a gas naturale liquefatto (Lng) raggiungendo con mezzi più 'green' anche le aree periferiche del suo bacino metropolitano di servizio.
    I nuovi bus - 15 Scania Interlink - pensati per collegamenti interurbani, puntano a combinare i vantaggi ambientali della tecnologia basata sull'impiego di gas naturale all'accresciuta autonomia di servizio che l'Lng è in grado di garantire. Nei due serbatoi criogenici ogni bus può ospitare carburante utile per un'autonomia di oltre mille chilometri. Sull'acquisto di questi bus sono stati investiti 3,7 milioni di euro, per oltre il 90% in autofinanziamento da Tper e per la restante parte con fondi pubblici per il rinnovo del parco veicolare messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna. Gli Interlink hanno 55 posti a sedere e 16 in piedi, climatizzazione integrale, tendine in tessuto e una cappelliera aperta nella parte alta. I nuovi bus saranno impiegati su linee extraurbane bolognesi e sostituiranno veicoli più datati alimentati a gasolio.
    Copriranno sia linee di pianura - come la 356 (Bologna-Altedo-Malalbergo-Ferrara), la 206 (Bologna-Lugo) e la 448 (Bologna-Centergross-Interporto) - ma anche collegamenti tra il capoluogo e la montagna, tra cui la linea 918 per Loiano, la 900, 906 e 916 per Monghidoro, la 856 per San Benedetto Val di Sambro e Pian del Voglio, la 686 per Tolè e la 851 'diretta' Rioveggio-Casalecchio di Reno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie