Taglia e incolla Dna, l'Oms propone un registro sugli esperimenti

"Irresponsabili test clinici su cellule germinali umane"

Redazione ANSA

Dopo l'appello dei ricercatori su Nature, anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ritiene opportuna una riflessione sulla tecnica che taglia e incolla del Dna, la Crispr, e il suo comitato di esperti istituito nel dicembre 2018 per metterne a punto le linee guida, propone un registro globale di tutti gli esperimenti.

Iil comitato internazionale di esperti, che comprende 18 fra ricercatori e bioeticisti, ritiene urgente "istituire un registro globale trasparente che elenchi tutti gli esperimenti relativi alla modifica del genoma umano" e giudica "irresponsabile in questo momento, per chiunque,procedere con le applicazioni cliniche di modifica del genoma delle cellule germinali umane". L'obiettivo del registro "è avere una migliore comprensione degli esperimenti" ha detto Margaret Hamburg, co-presidente del comitato dell'Oms. Inoltre, ha aggiunto "penso che questo possa creare più senso di responsabilità della comunità scientifica".

L'Oms aveva istituito il comitato in seguito alla notizia delle due gemelle nate in Cina con il Dna modificato con la Crispr, in modo da renderlo resistente al virus Hiv. Il risultato era stato criticato dai ricercatori di tutto il mondo, soprattutto per la mancanza di trasparenza usata. L'obiettivo della commissione di esperti è "sviluppare strumenti e orientamenti essenziali per tutti coloro che usano questa nuova tecnologia per garantire il massimo beneficio e il minimo rischio per la salute umana", ha spiegato Soumya Swamanathan, dell'Oms,.

A tal fine tutti coloro che conducono ricerche sul genoma umano sono stati invitati a mettersi in contatto con il comitato per aprire discussioni e mettere a punto raccomandazioni sull'uso della Crispr. Per il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, le tecniche per modificare il Dna umano "costituiscono un'incredibile promessa per la salute, ma pongono anche alcuni rischi sia dal punto di vista etico, sia medico. Questo comitato - ha aggiunto - riunisce alcuni dei maggiori esperti mondiali per fornire indicazioni su questa complessa questione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA