Vino: quando raccontarlo per immagini diventa un'arte

Le etichette iconografiche e i video sui social di Donnafugata

Redazione ANSA PALERMO
(ANSA) - PALERMO, 30 OTT - Se produrre il vino è un'arte, lo è anche il suo racconto. Per questo Donnafugata, sin dai primi anni '90, ha innovato la comunicazione portando in etichetta la donna, la Sicilia e i suoi colori, attraverso le illustrazioni dell'artista Stefano Vitale. A distanza di quasi 30 anni dal suo esordio, il packaging dell'azienda siciliana è tra i più identitari e rappresenta uno straordinario caso di successo.

Adesso quell'universo fantastico - popolato dalle evocative figure femminili di Anthìlia, Sherazade, Floramundi, Bell'Assai - si anima per raggiungere un pubblico sempre più ampio attraverso lo strumento dei video e dei canali social. Grazie all'estro creativo della video-maker Virginia Taroni, è così nata la serie Un minuto per un vino: i primi 6 racconti animati della serie sono sui canali canale YouTube dell'azienda; il primo è già stato diffuso sui canali Facebook e Instagram.

Dal ricco patrimonio delle etichette Donnafugata l'autrice ha tratto innumerevoli elementi iconografici, a volte tal quali, altre volte trasformati o reinventati. Con il ritmo serrato della comunicazione social e con estrema efficacia divulgativa, ciascun vino viene raccontato in un solo minuto, in tutti i suoi principali aspetti: il significato del nome, il territorio di origine, i vitigni, il processo produttivo, le caratteristiche organolettiche, gli abbinamenti con il cibo suggeriti. La sceneggiatura riesce a divertire e ad emozionare e fa di questi racconti animati dei piccoli capolavori. Capita così che il mare attorno alla Sicilia sia attraversato da calamari giganti o draghi marini, il cielo sia solcato da mongolfiere e che le figure di donna-in-fuga, che identificano le fortunate etichette dell'azienda siciliana, si ritrovino a tavola a condividere i piaceri del cibo e del vino. Nel video dedicato al Ben Ryé, le donne-in-fuga sono in riva al mare di Pantelleria, in costume da bagno e occhiali da sole, in quello del Mille e una Notte sono in un salone stile ballo del Gattopardo, mentre nel video che presenta il cru dell'Etna Fragore, le protagoniste brindano all'interno di una navicella spaziale.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA