Bonaccorsi, Governo non abbandona turismo

A TTG "Nessuno ha bacchetta magica". Su bonus vacanze rassicura

di Cinzia Conti ROMA

ROMA - Un anno fa è arrivata al TTG Travel Experience a Rimini, fresca di nomina, a rappresentare un Governo che doveva "domare" la crescita impetuosa del turismo, l'overtourism che attanagliava talune destinazioni italiane.
    Quest'anno, nel momento della crisi, la presenza del sottosegretario del Mibact Lorenza Bonaccorsi alla grande riunione degli operatori, degli imprenditori e delle associazioni turistiche è ancora più importante perché testimonia che il Governo "non abbandona" questo settore che vale il 13% del Pil e che è stato messo alle corde dalla pandemia. "Non c'è nessun dubbio, il Governo - racconta in un'intervista all'ANSA - continuerà a stare accanto ai settori particolarmente in crisi, come il turismo. Lo ha detto più volte il ministro Franceschini ma anche il ministro Gualtieri. Tutti ci rendiamo conto del momento difficile e complicato, basta fare una passeggiata per il centro di Roma o di Firenze. Quest'estate fino a settembre la situazione si è riuscita ad affrontare meglio in alcuni luoghi anche grazie alla grande risposta del popolo italiano che ha deciso di passare le proprie vacanze in Italia. Ma è chiaro che ci sono luoghi come ad esempio le città d'arte che soffrono in maniera drammatica, quindi inevitabilmente bisogna continuare a sostenerle. Qui al TTG ho trovato grande entusiasmo e una grande voglia di ripartenza e di mettersi in gioco nonostante siamo tutti consapevoli delle difficoltà del momento".
    "In questi mesi anche nel confronto spesso aspro con le categorie - aggiunge - abbiamo costruito una serie di interventi davvero importanti assieme al comparto, quindi credo che sia la modalità giusta. Le cose vanno affrontate lavorando tutti assieme, abbiamo visto che non ci sono bacchette magiche, sono evaporate le bacchette magiche".
    Sul Bonus vacanze la Bonaccorsi rassicura: "Mi meraviglio della reazione degli operatori e delle associazioni all'ipotesi fatta ieri da Franceschini di allungarne i tempi. Era previsto che durasse fino al 31 dicembre ma è chiaro che in questa fase dove stanno aumentando i contagi questo rallenterà e metterà in difficoltà chi ha deciso di andare in vacanza e quindi riteniamo importante prolungare questa possibilità di utilizzo. Di buoni ne sono stati scaricati più di un milione e mezzo e utilizzati più di 700 mila. Vogliamo semplicemente dare la possibilità di utilizzare questo strumento. Fa parte di un ragionamento che si basa su due leve: aiutare gli operatori a lavorare in una situazione di emergenza (prolungando le misure di aiuto) e continuare a lavorare come sostegno alla domanda. Il ministro, voglio ripeterlo, ha già detto che tutto quello che resterà - a oggi siamo a circa un terzo dell'utilizzo - sarà destinato al comparto del turismo, non ci sono dubbi. Stiamo lavorando anche sulla cassa integrazione cercando di accompagnare nella crisi per i mesi a venire".
    Su cosa ci ha fatto capire queste periodo così duro dice: "Difficile trovare cose buone davanti a così tanti morti, a tutto questo dolore e a tutti questi sacrifici... Però dobbiamo riconoscere che la crisi ha fatto venire al pettine alcuni nodi che c'erano nel mondo del turismo. Questo è il momento di scioglierli. Da adesso dobbiamo cominciare a lavorare sul modello di turismo che vogliamo per il nostro Paese non inseguendo modelli che non sono nostri questo è un momento importante per porsi in maniera costruttiva a progettuale".
    Il sottosegretario sottolinea anche il tema dei trasporti in vista della ripartenza: "Bisogna immaginare interventi importanti dal punto di vista dell'infrastrutturazione, il turismo è destinazione e accessibilità bisogna fare un ragionamento molto profondo su dove vogliamo andare". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie