Le mostre del week end, da Chagall ad artisti Paolo VI

Omaggi a Giovanni Boldini e Robert Capa a Ferrara e Ancona

di Marzia Apice FERRARA

FERRARA - I grandi omaggi a Boldini e Capa a Ferrara e Ancona, il mondo sognante di Chagall a Napoli accanto al racconto della svolta di Paolo VI per riavvicinare l'arte alla Chiesa a Milano: sono le mostre che si potranno visitare il prossimo fine settimana. FERRARA - Il pittore dell'eleganza, così come venne definito nel 1931 da Vogue, è protagonista a Palazzo dei Diamanti dal 16 febbraio al 2 giugno nella mostra "Boldini e la moda" che svela l'importanza dell'industria degli abiti, del gusto e del lusso nella ritrattistica dell'artista.
    In un percorso ordinato in sezioni tematiche, oltre 100 opere - tra dipinti, disegni e incisioni di Giovanni Boldini accanto a quelli dei suoi colleghi Degas, Manet, Sargent, Whistler, Seurat, Blanche, Helleu e ad abiti d'epoca, libri e oggetti preziosi - raccontano gli intrecci tra arte, moda e letteratura che hanno segnato la fin de siècle. NAPOLI - Un nucleo di 150 opere, tra dipinti, disegni, acquerelli e incisioni, svelano l'universo magico e poetico di Marc Chagall: si apre il 15 febbraio alla Basilica della Pietrasanta - Lapis Museum la mostra "Chagall. Sogno d'amore", allestita fino al 30 giugno. Provenienti da collezioni private e quindi di difficile accesso per il grande pubblico, le opere delineano l'artista, con il suo immaginario fatto di stupore e meraviglia, accanto all'uomo, per tutta la vita innamorato di sua moglie Bella.
    MILANO - La svolta verso l'arte contemporanea di papa Paolo VI, il suo desiderio di ricucire il rapporto tra artisti e committenza ecclesiale, raccontata attraverso le opere degli autori che gli furono amici: è la mostra "Torniamo amici. Paolo VI e gli artisti", in programma a Gasc - Galleria d'Arte Sacra dei Contemporanei dal 15 febbraio al 14 aprile. Esposte 50 opere, tra dipinti, disegni, sculture, bozzetti, grafiche, raramente o mai mostrati al pubblico, di importanti autori tra cui Aldo Carpi, Francesco Messina, Floriano Bodini, Luigi Filocamo, Lello Scorzelli, Ettore Calvelli.
    RAVENNA - "Il mestiere delle arti. Seduzione e bellezza nella contemporaneità" è il titolo della mostra che il Museo Nazionale nel complesso di San Vitale propone dal 16 febbraio al 26 maggio. Il progetto espositivo illustra attraverso 100 opere la ricerca di artisti contemporanei - da Mitoraj a Paladino, da Manzù a Ceroli - che hanno scelto di ignorare il confine tra arti maggiori (pittura e scultura) e arti minori (produzioni di oreficeria, in vetro e resina o in ceramica) muovendosi agilmente tra stili, formati e materiali diversi. ANCONA - Grande omaggio dal 16 febbraio al 2 giugno alla Mole Vanvitelliana a uno dei più importanti fotoreporter del XX secolo: la mostra "Robert Capa. Retrospective" racconta in 13 sezioni la carriera e lo sguardo di un autore che ha saputo rappresentare la sofferenza, la miseria, il caos e la crudeltà delle guerre. Il percorso si snoda in più di 100 immagini in bianco e nero che documentano i maggiori conflitti del Novecento, di cui Capa è stato testimone oculare, dal 1936 al 1954.
    ABU DHABI - Arriva al Louvre dal 14 febbraio al 18 maggio "Rembrandt, Vermeer and the Dutch Golden Age: Masterpieces from The Leiden Collection and the Musée du Louvre". La mostra presenta 95 capolavori che testimoniano il fermento culturale della cosiddetta Età dell'Oro nei Paesi Bassi, con un focus particolare su Rembrandt. Nel percorso inoltre sono esposti per la prima volta insieme due lavori di Vermeer, "Young Woman Seated at a Virginal" e "The Lacemaker". (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA