Le mostre del week end, da Burri a Gorky

A Milano la prima mostra dei fotografi dell'Agenzia Magnum

di Marzia Apice VENEZIA

VENEZIA - Le foto degli autori dell'Agenzia Magnum a Milano, le rilegature artistiche di Luciano Fagnola a Torino, il progetto fotografico di Michela Battaglia e Stefano De Luigi ispirato all'attentato al Bataclan, ma è Venezia con la Biennale a farla da padrone il prossimo weekend nella varietà di appuntamenti espositivi, da Burri a Gorky.

VENEZIA - La Fondazione Giorgio Cini dedica ad Alberto Burri un'importante retrospettiva allestita dal 10 maggio al 28 luglio all'Isola di San Giorgio Maggiore. Dal titolo "Burri la pittura, irriducibile presenza", l'esposizione presenta 50 opere, provenienti da musei italiani e stranieri, dalla Fondazione Burri e da collezioni private, che ricostruiscono nella sua interezza la parabola storica dell'artista. "Arshile Gorky: 1904 - 1948" è la prima retrospettiva dedicata in Italia all'artista americano, allestita a Ca' Pesaro Galleria Internazionale d'Arte Moderna dall'8 maggio al 22 settembre. Un percorso di 80 opere, alcune esposte raramente, ricostruisce i nodi principali della ricerca artistica di Gorky, figura cardine dell'arte americana del XX secolo. "There is a Beginning in the End" è il titolo della mostra in commemorazione del Tintoretto proposta dal Museo Pushkin e ospitata nella Chiesa di San Fantin dall'11 maggio all'11 settembre. Nel progetto le opere di artisti contemporanei (Dmitry Krymov, Irina Nakhova, Gary Hill) dialogano con il contesto storico del luogo (lì erano esposti i dipinti del Tintoretto) e con un lavoro di Emilio Vedova. Nella Chiesa palladiana di Santa Maria della Presentazione (o delle Zitelle), dal 9 maggio al 30 settembre è allestita "Te veo, me veo" dell'artista della Repubblica Dominicana Lidia Leon. Il percorso presenta opere nelle quali Leon riflette su temi di natura sociale ed esistenziale, incoraggiando i giovani a un pensiero critico e all'integrazione.
    TORINO - "Quando il libro si riveste d'arte" è il titolo della mostra allestita a Palazzo Madama dal 6 maggio al 30 settembre.
    Esposti al pubblico 24 testi letterari, poetici e teatrali (tra cui la Divina Commedia, il Cantico delle Creature e Pinocchio) che raccontano l'arte della legatoria attraverso legature inventive e tecnicamente complesse, realizzate da Luciano Fagnola, Maestro Rilegatore e restauratore di libri e manoscritti.
    GENOVA - Dal 10 maggio al 2 giugno Palazzo Ducale ospita "Babel", mostra fotografica di Michela Battaglia e Stefano De Luigi ispirata all'attentato al Bataclan avvenuto a Parigi nel 2015. Il progetto si ispira alla tragedia ma ha origine da una ricerca iniziata qualche anno prima focalizzata sull'uso della fotografia attraverso testimonianze e scatti della cartellonistica pubblicitaria della metropolitana di Parigi e di immagini estrapolate dalle riviste di propaganda Daesh. MILANO - Le opere di Cartier-Bresson, Capa, Bischof, Morath, Lessing, Riboud, Marquis, Haas sono esposte dall'8 maggio al 6 ottobre al Museo Diocesano Carlo Maria Martini nel percorso di "Magnum's first. La prima mostra di Magnum". La rassegna ripercorre la prima mostra del gruppo Magnum - intitolata Gesicht der Zeit (Il volto del tempo) - tenuta tra il 1955 e il 1956 in 5 città austriache e presenta 83 stampe vintage in bianco e nero (un corpus di lavori abbandonato in una cantina di Innsbruck e ritrovato nel 2006, ancora chiuso nelle sue casse).
    Giulio Manfredi è protagonista alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana con la mostra "L'oro invisibile", in programma dal 9 maggio al 9 luglio. Esposte 12+1 opere ispirate all'Ultima Cena di Leonardo da Vinci, in cui l'artista concentrandosi sulla simbologia delle figure degli apostoli e del Cristo, reinventa l'opera leonardesca, più che reinterpretarla.
    ROMA - "Verdi Armonie. I Giardini di Roma all'acquerello" è la mostra in programma dal 10 maggio al 30 giugno al Museo Pietro Canonica a Villa Borghese. Nel percorso 60 acquerelli di vario formato con i giardini di Roma realizzati da 7 artisti contemporanei: Raffaele Arringoli, Emanuela Chiavoni, Fausta D'Ubaldo, Sergio Macchioli, Gabriella Morbin, Luisa Saraceni (Luz) e Silvano Tacus.
    MORESCO (Fm) - "Nulla che non sia ovunque" di Luca Piovaccari è la mostra di soli 2 giorni (11 e 12 maggio) che apre la nona stagione espositiva di Tomav - Torre di Moresco Centro Arti Visive. Presentate le opere fotografiche in bianco e nero dell'artista in cui si esalta la poetica della fragilità.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA