Nel distretto del Po acqua per 20 giorni ma Delta già soffre

A un passo dalla siccità la Romagna e la parte alta delle Marche

Nel Distretto del fiume Po c'è acqua a sufficienza per almeno 20 giorni grazie a un mese di giugno che si annovera tra i più piovosi degli ultimi decenni. È quanto emerge dal bollettino dell'Osservatorio permanente sulle crisi idriche, che però evidenzia alcune aree già in sofferenza. Secondo le stime, il 60% in più di piogge di giugno riesce a contenere la diminuzione delle portate ma fra tre settimane la scorta potrebbe esaurirsi. La Romagna, il Delta e la parte alta delle Marche sono però ad un passo della soglia siccità.

A inizio mese la portata osservata a Pontelagoscuro (Ferrara) è risultata pari a 922 metri cubi di acqua al secondo, valore inferiore alle medie di periodo ma in aumento del 10% rispetto a un anno fa. Attualmente si è nella fase di esaurimento del picco che terminerà entro i prossimi 7-8 giorni riportando valori tipici del periodo.

"Ad oggi - sottolinea Meuccio Berselli, segretario generale del Distretto del Po - non sono pervenute dai partner istituzionali richieste specifiche di deroghe al deflusso minimo vitale in tutta l'area distrettuale e questo è il segno tangibile di come le ultime precipitazioni abbiano allentato la morsa delle temperature leggermente sopra la media andando a delineare un quadro in linea con le portate degli anni medi. Le situazioni più impegnative anche se non ancora di emergenza si riscontrano in Romagna, nel Delta e nella parte alta delle Marche dove non è piovuto e le falde non compensano le mancanze. In questi luoghi l'attenzione deve essere ancora più alta. Ora il contesto va però monitorato giorno dopo giorno".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Aeroporto di Bologna



      Modifica consenso Cookie