Commissione Esteri Pe, preoccupano attacchi a democrazia

Eurodeputati lanciano allarme su stato diritti umani nel mondo

Redazione ANSA

BRUXELLES - Gli eurodeputati della commissione Affari esteri (Afet) dell'Eurocamera esprimono profonda preoccupazione per i continui attacchi alla democrazia e per la riduzione dello spazio per la società civile in tutto il mondo. È il contenuto di una risoluzione approvata oggi con 48 sì, 6 voti contrari e 8 astensioni. Nel testo, gli eurodeputati denunciano l'offensiva in corso contro il multilateralismo e l'ordine internazionale basato sul diritto, che pongono una grave sfida ai diritti umani. La risoluzione mette in guardia sull'aumento degli omicidi e degli attacchi contro le persone che difendono i diritti umani (tra cui studiosi, giornalisti e politici), denunciando la pena di morte, la persecuzione e gli arresti contro questi ultimi. Proprio per questo, gli eurodeputati chiedono all'Ue e agli Stati membri di intensificare il lavoro per contribuire a garantire una migliore protezione delle persone che si battono per i diritti umani. Infine, il testo sottolinea che il pluralismo dei media e la libertà di parola devono essere al centro delle democrazie, e condanna l'abuso di obiettivi in sé legittimi come il contrasto al terrorismo, la sicurezza nazionale e l'applicazione della legge, che rischia di limitare la libertà di espressione sia online che offline. Dopo il passaggio in Afet, il testo sarà votato nel corso della plenaria dell'Eurocamera a gennaio.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie