Commissari Ue S&D cantano 'Bella Ciao'. Meloni, 'scandaloso'

Gentiloni e colleghi ripresi in un video circolato sui social

Redazione ANSA

BRUXELLES - I commissari del gruppo dell'Alleanza progressista dei socialisti e dei democratici (S&D) cantano "Bella Ciao" al Parlamento europeo la scorsa settimana dopo aver ottenuto il via libera dell'assemblea. È il video circolato sui social, che immortala il commissario Ue per gli Affari economici Paolo Gentiloni mentre intona insieme ad altri commissari S&D le parole del famoso canto partigiano. Oltre a Gentiloni, anche i vicepresidenti della Commissione Ue Frans Timmermans e Maros Sefcovic, il commissario al Lavoro Nicolas Schmit, la commissaria per i Partenariati internazionali Jutta Urpilainen, la commissaria alla coesione Elisa Ferreira, e la presidente del gruppo S&D Iratxe Garc¡a Pérez. Il commento del presidente di Fdi Giorgia Meloni non si è fatto attendere. In un tweet Meloni scrive: "Solo io reputo scandaloso questo ridicolo teatrino da parte delle più alte istituzioni europee?" Non hanno nulla di più importante di cui occuparsi?". Anche l'europarlamentare Fulvio Martusciello (Fi), dal canto suo, ha scritto in una nota:"Ma pensassero a lavorare che sono pagati per questo. Bonino, Frattini o Tajani che pure sono stati commissari europei non lo avrebbero mai fatto. Non e' un caso che i commissari che cantano sono tutti socialisti. Noi popolari siamo seri e una cretinaggine del genere non l'avremmo mai fatta". 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."