Studio, Cdu più potente in Ue, M5S, Pd e Lega i meno influenti

In classifica VoteWatch Macron è secondo, Conservatori Gb terzi

Redazione ANSA

BRUXELLES - Quanti e quanto sono influenti i partiti nazionali nell'Ue? Se lo chiede il centro studi VoteWatch Europe che ha stilato una classifica che premia la Cdu/Csu tedesca al primo posto definendolo il "partito più potente nell'Ue nonostante le sue recenti perdite". Medaglia d'argento per il movimento del presidente francese Emmanuel Macron 'La Republique en Marche', seguito dai Conservatori britannici. Nell'analisi che fa il punto sulle forze politiche più influenti a Strasburgo sono relegati agli ultimi posti i partiti italiani, a "causa della frammentazione e dall'instabilità del panorama politico" del Belpaese.

Solo settimo il M5S, seguito all'ottavo posto dal Pd, mentre chiude la classifica la Lega di Matteo Salvini al decimo. Tra i maggiori paesi - scrive VoteWatch -, "l'Italia è quella dove l'instabilità e la frammentazione politica sono più pronunciate. Questo spiega perché non ci sono partiti italiani tra i primi cinque posti, nonostante la penisola sia il quarto più grande Stato membro dell'Ue". Lo studio precisa inoltre che "gli accordi di coalizione altamente instabili e la volatilità dell'elettorato italiano hanno impedito il consolidamento del potere". Il "M5S detiene un forte peso legislativo a livello nazionale - si legge -, ma il calo nei sondaggi e la scarsa presenza a livello europeo e regionale condizionano" il suo peso politico. Il "Pd ha una maggiore longevità e connessioni più ampie in Europa, ma la sua decrescente forza elettorale ne condiziona l'influenza a livello nazionale". Infine, la "Lega di Salvini che gode di ottime prestazioni a livello di sondaggi ma non è lo stesso a livello Ue".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie