Sassoli, vento sovranista? Certo che Spagna troverà stabilità

In questa legislatura serve convergenza forze pro-Ue

Redazione ANSA

BRUXELLES- "Che ci sia un vento sovranista e nazionalista non ce lo dicono solo le elezioni spagnole, lo abbiamo capito in giro per l'Europa e questo impone ancora più responsabilità alle forze europeiste". Così il presidente del Parlamento Ue David Sassoli intervenendo ad un seminario oggi al Parlamento europeo, precisando che "rispetto alle crisi la necessità è che le forza europeiste siano in grado di superare le loro crisi, ma anche che questi paesi trovino la loro stabilità", ha aggiunto Sassoli rispondendo a chi gli chiedeva un commento all'indomani delle elezioni spagnole. "Stabilità e quadro europeo, sono queste le due parole che mi sento di dover rivolgere - ha precisato -. Sono sicuro che questa stabilità in Spagna verrà trovata. Abbiamo la certezza che la maggioranza degli spagnoli che sono dentro il riferimento europeo sapranno trovare la soluzione".

"In questa legislatura c'è una cosa nuova, cioè che nessuno è troppo forte ma che il fronte europeista è quello maggioritario e questo vuol dire che c'è bisogno di convergenza fra le forze europeiste", ha sottolineato Sassoli. "Questa convergenza ha prodotto la partenza del Parlamento europeo e l'indicazione della presidente von der Leyen - ha aggiunto - adesso tutto questo deve proseguire, in uno schema inedito rispetto alla storia di come abbiamo conosciuto le nostre istituzioni e la forza e la debolezza dei rispettivi partiti politici". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."