Via libera Europarlamento a deroga pesca vongole Adriatico

Dura un solo anno, dal primo gennaio 2020

Redazione ANSA

BRUXELLES - La commissione Pesca del Parlamento Europeo ha dato il via libera alla pesca di vongole dal diametro di 22 millimetri nel Mar Adriatico. Lo hanno reso noto gli europarlamentari del Pd Piero Bartolo e Giuseppe Ferrandino precisando che "all'interno della Commissione pesca erano stati sollevati dubbi riguardo la legittimità della deroga concessa all'Italia, ma queste resistenze sono state superate. Si è così chiusa la lunga diatriba tra Italia e Spagna"

"Grazie ad un efficace e tempestivo lavoro di coordinamento - ha osservato Bartolo - siamo riusciti a dimostrare che non c'era alcuna ragione scientifica per limitare la pesca di vongole dei pescatori italiani. Ferrandino, vicepresidente della commissione, ha aggiunto: "La Commissione Europea ci ha confermato che il suo organo scientifico ha prodotto studi inequivocabili in merito alla sostenibilità della pesca delle vongole adriatiche. Hanno perfino fatto i complimenti ai pescatori italiani per il rispetto dei parametri di sostenibilità ambientale".

La proroga della deroga decisa dalla commissione, che permette all'Italia di pescare vongole dal diametro di 22 millimetri invece che 25 millimetri, dura un solo anno, a partire dal primo gennaio 2020. "Non c'è tempo da perdere" hanno sottolineato gli eurodeputati Pd membri della Commissione Pesca. "Le vongole italiane per ora sono salve, ma il Governo si attivi subito, insieme ai pescatori, per recuperare tutti i dati scientifici necessari perché la proroga possa continuare oltre il 2020 ed eventualmente diventare definitiva".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie