Percorso:ANSA > Europa > Ambiente ed energia > Smog: Greenpeace in azione a Bruxelles, vogliamo aria pulita

Smog: Greenpeace in azione a Bruxelles, vogliamo aria pulita

Oggi Commissario Ambiente ha convocato 9 Paesi, tra cui l'Italia

30 gennaio, 12:41
(ANSA) - BRUXELLES, 30 GEN - Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Bruxelles, scoprendo il loro petto e mostrando un lavoro di body art che ritrae i loro polmoni, per chiedere aria pulita e provvedimenti contro lo smog ai Paesi convocati d'urgenza oggi dal Commissario europeo per l'ambiente Karmenu Vella. Nel 2017 la Commissione europea aveva messo in guardia cinque dei Paesi presenti all'incontro - Italia, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito - riguardo a un imminente provvedimento della Corte Europea contro le ripetute violazioni degli standard comunitari sulla qualità dell'aria, in vigore dal 2010. Anche Repubblica Ceca, Romania, Ungheria e Slovacchia sono stati convocati oggi a Bruxelles, a causa del mancato rispetto delle leggi europee sulla qualità dell'aria. L'Italia, unico Paese insieme alla Francia, è sotto procedura d'infrazione sia per le concentrazioni di particolato che per quelle di biossido di azoto.

"I gas di scarico delle auto uccidono in Europa decine di migliaia di persone. Mentre ci sono delle leggi in vigore per proteggerci, per anni i nostri governi non hanno intrapreso le azioni necessarie a riportare l'inquinamento atmosferico entro i limiti previsti", ha dichiarato Benjamin Stephan della campagna Inquinamento di Greenpeace. "Tutto ciò è criminale e deve essere sanzionato. Ogni giorno di ritardo nell'abbandonare le auto a diesel o benzina in favore di forme di mobilità pulita, porterà ulteriori morti e renderà inevitabili i blocchi delle auto". (ANSA).


(Segui ANSA Europa su Facebook e  Twitter)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA