Banche: Konig,sentenza Tercas apre dibattito fondi garanzia

'Non rimborsano solo depositi ma prevedono misure alternative'

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 26 MAR - La sentenza del Tribunale Ue su Tercas "è un caso che apre l'opportunità di discutere cosa possono o debbano fare i 'Deposit Guarantee schemes' (DGS)", e una cosa che l'autorità di risoluzione unica della Bce (SRB) ha sempre chiesto era che consentissero "misure alternative", in modo da non essere soltanto uno "strumento di pagamento" al termine dei sette giorni entro cui vanno rimborsati i depositi sotto i 100mila euro se una banca fallisce. Lo ha detto il presidente dell'SRB, Elke Konig. Per Konig questa opportunità di dibattito dovrebbe anche "allo stesso tempo definire fino a che punto puoi spingerti con le misure alternative, cioè cosa è legittimo e cosa invece va oltre ed entra in territorio aiuto di stato". La presidente ha quindi auspicato che, "qualunque sia la sentenza definitiva, possa innescare questo dibattito" e si arriva così "ad uno schema armonizzato". I DGS in Ue, ha spiegato, sono armonizzati da una direttiva che, all'articolo 11, indica che possono esserci misure alternative. "Alcuni Stati le hanno trasferite nei loro sistemi legali, e dico che avrebbe senso armonizzarli", ha concluso. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: