Amministratori minacciati, fenomeno aumenta nel Centro-Nord

Soprattutto nel Lazio e in Lombardia. Maglia nera resta al Sud

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 29 GEN - La 'maglia nera' per il numero più alto di intimidazioni e minacce agli amministratori locali resta al Sud Italia, ma il fenomeno è in aumento nel centro-nord, in particolare nel Lazio e in Lombardia: è quanto emerge dal rapporto dall'Associazione "Avviso pubblico" sugli "Amministratori sotto tiro", presentato oggi al Parlamento Ue a Bruxelles su iniziativa dell'eurodeputata di Possibile (S&D), Elly Schlein. "Cinque anni fa gli atti intimidatori totali nel Centro-Nord erano uno su cinque, oggi sono uno su tre. Il fenomeno sta emergendo in maniera forte", ha sottolineato il co-autore del rapporto, il giornalista Claudio Forleo. È la Sicilia la Regione con il numero più alto di intimidazioni e minacce nel periodo tra il 2013 e il 2017, con 396 casi censiti, seguita da Calabria (328), Puglia (312), Campania (305) e Sardegna (193). La fotografia cambia lievemente se si prendono i dati sul 2017, con la Campania in cima la classifica (86 casi segnalati) prima della Sicilia (79). Nel centro-nord la 'maglia nera' per i casi tra il 2013 e il 2017 va al Lazio (127), seguita dalla Lombardia (96). I numeri aumentano anche a livello complessivo. Dal 2011, anno della prima edizione del rapporto, gli atti intimidatori sono cresciuti del 153%. Nel 2017 sono stati censiti 537 i casi da Avviso Pubblico, uno ogni 16 ore. "Ora più che mai - ha sottolineato Schlein - credo sia importante mostrare la nostra solidarietà agli amministratori locali in Italia e in tutta Europa. Costruire una rete di vicinanza è lo strumento migliore contro il metodo mafioso, che mira a isolare le sue vittime". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: