Italia-Cina: una piattaforma digitale per incontro Pmi

Con Fondazione Italia-Cina, al via 'Icbc Business Matchmaker'

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Sfruttare le potenzialità del digitale per "aiutare le imprese italiane e cinesi, soprattutto quelle piccole e medie che hanno più bisogno di essere sostenute in una fase delicata come questa,ad allacciare rapporti di collaborazione". E' questo - spiega il presidente della Fondazione Italia Cina, Mario Boselli - l'obiettivo di "Icbc Business Matchmaker", la piattaforma digitale di matchmaking globale al servizio delle pmi di tutto il mondo. Lanciata anche in Italia, grazie alla collaborazione tra Industrial and Commercial Bank of China (Icbc) e Fondazione Italia Cina, la piattaforma è stata presentata con un evento online che ha collegato Milano e Pechino. Ad oggi sono 20 mila le imprese cinesi registrate nel sistema ed entro giugno la stima di Icbc, la più grande banca al mondo per capitalizzazione, è che "il database supererà le 100 mila unità: migliaia di imprese cinesi selezionate e disponibili a dialogare per sviluppare nuovi rapporti di collaborazione con soci e aziende italiane interessate". Nel nostro Paese Icbc gestirà la parte tecnica e operativa del sistema mentre la Fondazione individuerà e canalizzerà gli interessi dei soci e delle imprese nei confronti del sistema e l'accesso al sistema stesso. "Si tratta di uno strumento eccezionale, la cui realizzazione è stata accelerata dalla tragica pandemia in atto ma che rientra - ha aggiunto Sergio Miele, Senior Business Development Consultant ICBC Milan Branch - in un processo di digitalizzazione dell'economia e degli scambi commerciali, su cui noi in Italia siamo in ritardo ma che in Cina è già iniziato da molti anni". (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: