I millennials di Dolce e Gabbana sono re di cuori

Estate street e bling bling, modelli seduti, sfilano i figli di

  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018
  • Dolce&Gabbana - Runway - Milan Fashion Week Men's Collection Spring/Summer 2018

(di Gioia Giudici) E' un innamoramento di quelli che non passano in una sola stagione quello di Dolce e Gabbana per i millennials: anche per la prossima estate, i due stilisti hanno voluto in passerella, al posto dei modelli, relegati alla prima fila come ospiti, influencer e figli di. Questo perché - spiega Stefano Gabbana - "i millennials sono il futuro". E sono loro - sottolineano scenografia e invito della sfilata - i veri "re di cuori" di oggi. Sono 106, più o meno famosi, più o meno piacenti, più o meno a loro agio nel ruolo di modelli, i ragazzi e le ragazze che indossano capi che sembrano studiati su misura per loro.

Guarda la photogallery ANSA di Matteo Bazzi qui


Presentata ieri in negozio con un 'secret show' per 100 invitati la parte più sartoriale della loro proposta, infatti, oggi i Dolce e Gabbana si sono potuti concentrare sulla declinazione street della loro moda. Le prime uscite parlano ancora un linguaggio formale, quello del classico completo, ma subito smentito dalla scelta di colori strong come il celeste e l'arancio, e poi la passerella si apre alla strada.

 

Ecco la maglia jacquard con i motivi di carte da gioco, il bomber con la scritta amore e quello di vernice, il pantalone gessato con la banda rossa a contrasto, la camicia con tigri e fiori, la camicia e il bermuda di seta, la T-shirt con le paillettes, la felpa con le scritte e il cappuccio, la borsa con il manico hashtag, i pantaloni con la fascia logo e i bermuda da basket, la canotta traforata sportiva e la blusa da baseball gessata, la polo ricamata e i calzoni sartoriali che diventano stampati, le sneakers con il nome della maison e quelle con il re di cuori, la vestaglia e il blazer con i revers scintillanti.


Il finale è tutto un bling bling con il chiodo in paillettes, lo smoking con i revers scintillanti, il bomber con il collo in macro cristalli. Per le ragazze, da Sofia Ben Ammar alle sorelle Stallone, abiti guepiere e maxi bomber con logo. Tra i modelli per caso, alcuni figli di come la progenie di Snoop Dog, Pierce Brosnan, Isabella Rossellini, Jude Law, Shaquille O' Neal, Puff Daddy, Gad Elmaleh, Cindy Crawford, Alain Delon, ma anche i nipoti di Marlon Brando, Bill Clinton e Elizabeth Hurley. E poi i digital influencer da milioni di follower come l'americano Andrew Bachelor. Ai social Dolce e Gabbana dedicano l'hashtag #boycott dolce e gabbana, stampato sulle T-shirt indossate dal personale e dagli stessi stilisti, come ironica risposta alle critiche ricevute per aver vestito Melania Trump. Lo scorso 8 giugno la maison aveva persino organizzato una finta manifestazione di protesta davanti al Metropol, con alcuni millennials con indosso le T-shirt pro boicottaggio, sagacemente messe in vendita il giorno stesso. 

Speciali ed Eventi vai alla rubrica >>
Press Release vai alla rubrica >>