Violenza donne: panchina rossa a Genova in ricordo di Clara

Assessore Viale, vittime non devono aver paura di denunciare

 Una panchina rossa è stata allestita in centro a Genova non lontano dal luogo dove il 19 febbraio scorso Clara Ceccarelli, 69 anni, è stata uccisa dall'ex all'interno del proprio negozio. A posizionarla in via Galata, il Comune di Genova, in accordo con l'associazione dei commercianti del Civ (Centro integrato di via) e il centro antiviolenza Mascherona, per testimoniare la vicinanza dell'amministrazione comunale a tutte le donne vittime di violenza e alle loro famiglie. Lo annuncia il Comune in una nota.
    "È un gesto simbolico in ricordo di Clara, la commerciante barbaramente uccisa nel proprio negozio di via Colombo, e di tutte le donne vittime della violenza - spiega l'assessore alla Sicurezza e Pari opportunità Giorgio Viale -. Come amministrazione comunale abbiamo, nei mesi scorsi, allestito una panchina rossa in ogni municipio per tenere alta l'attenzione sulla violenza sulle donne, ancor di più alla luce dei recenti e preoccupanti dati rilevati durante la pandemia. Le donne devono sentirsi sicure, mai sole e non aver paura denunciare". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      MyWay Autostrade per l'Italia
      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie