Ventimiglia, tampone solo a migranti riammessi

Ma non ai respinti. Su linea confine manca presidio sanitario

(ANSA) - VENTIMIGLIA, 04 MAR - Sono circa 80 al giorno, dall'inizio di marzo, gli stranieri respinti in Italia dalle autorità francesi, perché sorpresi sulla linea di confine. A quest'ultimi, tuttavia, non viene effettuato alcun Covid-test, perché per le autorità transalpine - che da tempo ormai hanno 'chiuso' le frontiere, sospendendo di fatto il trattato di Schengen - è come se queste persone non fossero mai entrate nel loro Paese, visto che vengono sorprese sulla linea di confine. A differenza di quanto accade per i 'riammessi' ovvero i migranti individuati lontano dal confine, che vengono rimandati in Italia con test negativo.
    "E' l'ulteriore segnale della necessità di un intervento coordinato tra lo Stato italiano e quello francese - afferma il sindaco di Ventimiglia, Gaetano Scullino, commentando il fatto che non esistono presidi sanitari per i respinti -. Si auspica un dialogo ancora maggiore tra le due Prefetture, come sembra stiano già facendo molto bene le forze dell'ordine". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      MyWay Autostrade per l'Italia
      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie