COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Optimamente

Freelanceboard.it: il portale che aiuta aziende e liberi professionisti

Oggi, la concorrenza nel mondo lavorativo è a dir poco spietata. Vi è grande voglia di lavorare, proporsi, guadagnare e di imporsi sul mercato (qualsiasi tipo esso sia). Da marzo le dinamiche del mondo lavorativo sono state per tutti stravolte. Tuttavia molte persone erano già abituate a lavorare da remoto.

Avete mai sentito parlare di lavoro freelance? In questo articolo andremo ad esaminare questa nuova tipologia occupazionale.

Chi è il freelancer?

Il freelancer è un libero professionista che può disporre, o meno, di una partita IVA.

Questo tipo di figura lavorativa sta prendendo piede specialmente negli ulti anni. Ma questo perché? In effetti, l’Italia non è un paese che offre spesso un tipo di lavoro fisso e continuativo come quello sotto contratto a tempo indeterminato.

La verità dei fatti è che ogni giorno si sviluppano figure lavorative nuove sul mercato e molte aziende sono spesse intente a risparmiare circa l’assunzione di un professionista, pagando meno tasse.

Insomma, i vantaggi sono duplici: l’azienda, oltre che a risparmiare, può decidere di assumere un freelancer specializzato per un determinato lavoro temporaneo, mentre il freelancer può godere di gestione autonoma del proprio lavoro e sopratutto ha la possibilità di poter guadagnare molto di più rispetto alla norma.

I segreti del freelancer

Il successo, di sicuro, non vien da sé.

È fondamentale porsi degli obiettivi realizzabili e concreti e lavorare, impegnandosi, per ottenerli.

L’organizzazione è perciò chiave per un freelancer: è necessario preparare un business plan strutturato e ben organizzato, che possa essere aggiornato periodicamente.

Se il desiderio è quello di imbarcarsi in un’impresa lavorativa del genere, una rete di contatti è imprescindibile. Se sei incuriosito e desideri iniziare il tuo lavoro freelance, considera anche importante il discorso relativo al creare un rapporto continuativo con le aziende con cui lavorerai.

La stessa azienda potrebbe infatti commissionare più lavori ad uno stesso professionista.

Ma come fa un freelancer a mettersi in contatto diretto con una azienda?

Di solito esiste un portale di intermediazione tra la domanda  dell’azienda e l’offerta del freelancer.

In questo modo, i liberi professionisti possono mettersi in contatto tra loro e con aziende interessate alle loro prestazioni.

Freelanceboard.it è una piattaforma sul web che consente di mettere in contatto professionisti e lavoratori freelance, con privati ed aziende.

La maggior parte degli individui che appartengono a questa community sono persone giovani e con tanta voglia di fare.

La descrizione del profilo che si legge sul portale è chiara e concisa.

Dando un’occhiata alle recensioni dei freelancer selezionati, l’azienda seleziona il candidato migliore. Allo stesso tempo il freelancer che fa parte della community può proporsi ai progetti che reputa interessanti ed adeguati .

Da freelancer ci si può proporre al pubblico in svariate modalità, ma Freelanceboard è probabilmente il miglior portale in circolazione che possa aiutare a raggiungere lo scopo lavorativo che si sta cercando.

Questo sito online è davvero utile per i processi di ricerca sia da parte delle aziende sia per i freelancer.

La piattaforma è veramente valida e presenta qualsiasi tipo di settore si cerchi: da traduttori a consulenti di marketing.

Le informazioni contenute nel portale sono chiare e non dispersive: trovare la figura professionale che si cerca sarà un gioco da ragazzi!

Freelanceboard offre la possibilità ai suoi visitatori di trovare ciò che si cerca in modo semplice, rapido e concreto.

Pro e contro di un lavoratore freelance:

Il lavoratore freelance può gestire i giorni liberi, il tipo di lavoro, i periodi di vacanza e può decidere se accettare o meno un determinato lavoro.

Di contro, ovviamente, è il fatto che non si può fare affidamento ad uno stipendio fisso e le entrate non sono stabili ogni mese.

Attenzione però! La libertà del professionista può essere un’arma a doppio taglio e si possono avere problemi con organizzazione e scadenze.

I vantaggi per le aziende:

Spesso avere dei dipendenti fissi non offre gli stessi vantaggi rispetto ad avere collaborazioni momentanee con dei freelancer.

Un’azienda può inserire sulla piattaforma online di ricerca, tutti i progetti che ha in mente ed eventuali richieste.

L’azienda può  inoltre creare il suo team di lavoro da remoto, con collaborazioni sempre diverse, in base al tipo di lavoro professionale che si cerca. Una volta finito il lavoro/progetto, l’azienda può valutare se confermare o meno la collaborazione con lo stesso freelancer.

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie