COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale IMG SOLUTION SRL

Super Bonus 110%: il futuro del paese comincia da Casa. Boom di lavori iniziati

IMG SOLUTION SRL

È quasi passato un anno da quando il governo, appena dopo il primo lockdown, ha emanato il Decreto Rilancio N° 34, in data 19 maggio 2020.

Il Decreto puntava ad incentivare l’efficienza energetica del nostro patrimonio nazionale; ciò si traduce in consumi minori per il cittadino e soprattutto meno inquinamento, con una maggiore sostenibilità ambientale. Il continuo susseguirsi di notizie frammentarie e aggiornamenti senza soluzione di continuità, relative ai vari Dpcm, non hanno reso facile le procedure da effettuare, per avere accesso al bonus.

Oggi finalmente la cosa appare più chiara e già alcune aziende del settore stanno operando al fine di sfruttare al meglio l'opportunità che il governo ha messo in piedi. Il Superbonus 110% permette ai cittadini di effettuare lavori di ristrutturazione a costo zero, o quasi. Comprende due tipi di misure: il Super Ecobonus, che incentiva i lavori di efficientamento energetico, e il Super Sismabonus, che agevola quelli di adeguamento antisismico. Grazie a Stefano Casanova e la sua Holding - la Stefano Casanova Group - si potrà quindi godere di importanti benefici per queste tipologie di interventi, oltre agli altri bonus (come ad esempio quello per la facciate). Inoltre Casanova ha di recente stretto importanti partnership per massimizzare e rendere più accessibili i vantaggi introdotti dal Decreto Rilancio e legati al Superbonus110%, «Mai come in questo periodo ci siamo accorti di fare il tifo per la stessa squadra».

Per ottenere l’ecobonus con il 110% sarà necessario eseguire lavoriimportanti di riqualificazione energetica degli edifici, ovvero:

  1. interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio per oltre il 25% della superficie disperdente lorda. Tale detrazione è calcolata su un tetto di spesa massimo di 60.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. I materiali isolanti utilizzati devono rispettare i Criteri Ambientali Minimi - CAM (ex DM 11 ottobre 2017);
  2. interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento UE 811/2013, a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo (anch'essi oggetto del superbonus 110%), o con impianti di microcogenerazione. La detrazione è calcolata su un tetto di spesa massimo di 30.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito;
  3. interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore,inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, o con impianti di microcogenerazione.

Inoltre si aggiungono due nuove tipologie: l’installazione di impianti solarifotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici, fino ad un massimo di spesa di 48.000 euro e comunque fino a 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale e sempre che l’installazione degli impianti sia eseguita congiuntamente a uno dei maxi interventi, e dei sistemi di accumulointegrati negli impianti solari fotovoltaici, alle stesse condizioni

degli impianti solari fotovoltaici e comunque fino a 1.000 euro di spesa per ogni kWh di capacità di accumulo; e l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Così si crea «un virtuoso meccanismo di mercato»

«I cittadini che effettuano questi lavori – continua Casanova, otterranno una detrazione fiscale pari al 110% della somma spesa o lo sconto totale in fattura cedendo il credito di imposta all'azienda che ha effettuato i lavori. Nel nostro caso, come impresa, possiamo poi ri-cedere il credito a fornitori e anche istituti bancari ottenendo immediata liquidità». Lo scopo dichiarato è quello di «creare un virtuoso meccanismo di mercato in cui i cittadini effettueranno lavori di ristrutturazione senza alcun esborso, le Pmi lavoreranno di più grazie ai maggiori incentivi, gli istituti di credito o le grandi imprese pagheranno meno tasse e lo Stato vedrà aumentare l'occupazione e il Pil».

Dunque Stefano Casanova scende in campo per contribuire e facilitarel’accesso dei propri clienti alle agevolazioni fiscali del Superbonus 110%, attraverso un’offerta integrata di servizi e soluzioni per la cessione delcredito, per la protezione del patrimonio immobiliare delle famiglie e per la tutela dell’attività lavorativa di professionisti e imprese.

Per Informazioni sul Bonus —> www.stefanocasanovagroup.com

Responsabilità editoriale:
IMG SOLUTION SRL


Modifica consenso Cookie