Aidc-Ungdcec, 'risolvere problemi Isa'

Sindacati commercialisti, violato Statuto diritti contribuente

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 21 MAG - "I ritardi e le incertezze nella definizione delle regole e norme relative agli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) rappresentano un'ulteriore violazione dei diritti dei contribuenti", protetti con uno Statuto disciplinato da una legge del 2000. A sottolinearlo, in una nota, l'Associazione italiana dottori commercialisti (Aidc) e l'Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili (Ungdec), che "ritengono indispensabile che si adottino gli opportuni provvedimenti a tutela ed in difesa dei contribuenti, e dei professionisti che li assistono, vista l'impossibilità di applicazione dello strumento". E' "del tutto evidente - affermao i presidenti dei sindacati di categoria Andrea Ferrari e Daniele Virgillito - che la partenza non potrà essere il primo luglio", e si appellano alle Istituzioni, per "non arrivare sul filo di lana con provvedimenti di differimento dei termini". A "circa 51 giorni dalla scadenza per il pagamento delle imposte e senza che, ad oggi, sia stato ancora rilasciato il software, si aggiungono le complessità derivanti dalle tortuose modalità tecniche di gestione e dalle complicazioni della struttura e del funzionamento delle 'pagelle' dei contribuenti", concludono i vertici di Ungdcec e Aidc. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in