DIRETTA MONDIALI

Risultato finale
Francia 4
2 Croazia
L'Albo d'oro
  • 1930
  • 1934
  • 1938
  • 1950
  • 1954
  • 1958
  • 1962
  • 1966
  • 1970
  • 1974
  • 1978
  • 1982
  • 1986
  • 1990
  • 1994
  • 1998
  • 2002
  • 2006
  • 2010
  • 2014

Uruguay

Uruguay (foto: EPA)

Uruguay

Classe ed esperienza, Uruguay è mina vagante

Dal 2006 l'Uruguay è nelle mani di Oscar Washington Tabarez, detto 'El Maestro' per la sua precedente carriera di insegnante. E' lui il commissario tecnico che, per pochi mesi nei confronti del tedesco Joachim Loew, detiene il record di permanenza sulla panchina della stessa Nazionale.
Con lui la 'Celeste' ha vinto una Coppa America nel 2011, lo stesso anno in cui Tabarez venne premiato come allenatore dell'anno dall'Iffhs. L'Uruguay si presenta in Russia nel segno del proprio ct e soprattutto per rinverdire i fasti di precedenti exploit mondiali. Il titolo iridato non è oggettivamente alla portata di Luis Suarez e compagni, però il podio potrebbe non essere un obiettivo assolutamente possibile per una squadra che ha dalla sua talento, esperienza e un assetto tattico invidiabile.
La rosa è di prestigio, l'attacco addirittura stellare, con il duo offensivo formato da Edinson Cavani e Luis Suarez che fanno la fortuna dei rispettivi club, PSG e Barcellona rispettivamente. Cinque, invece, gli 'italiani' che popolano la rosa uruguagia: i doriani Lucas Torreira e Gastòn Ramirez, l'interista Matìas Vecino, lo juventino Rodrigo Bentancur e il genoano Diego Laxalt. Diversi anche gli ex della Serie A, fra i quali l'esperto portiere Fernando Muslera, con un passato fra i pali della Lazio.
La difesa fa leva sulla solidità dei centrali Diego Godin e José Gimenez, entrambi pilastri dell'Atletico Madrid. Non tragga in inganno il 3-0 rifilato un anno fa dall'Italia all'Uruguay, nell'amichevole diputata a Nizza. Il secondo posto nel girone di qualificazione alle spalle del Brasile, ma davanti all'Argentina, certifica la grande competitività di una squadra che possiede un tasso tecnico di assoluto livello. Un esempio? Il 3-0 rifilato al Cile, campione del Sudamerica in carica. la 'Celeste' sarà una mina vagante al Mondiale in Russia, per la sua capacità di conquistare qualsiasi punteggio contro qualunque avversario. Incrociarla sarà durissima per tutti. Il curriculum sportivo, nel quale spiccano due Coppe Rimet, nel calcio ha scarso valore, ma l'esperienza resta un dato inconfutabile, che mi miscela con la classe e la capacità di cambiare pelle anche durante la stessa partita. Il 3-4-3 è il modulo prediletto dagli uruguagi che, però, possono anche affidarsi al 4-2-2 o al 4-3-3, dipende anche dagli avversari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA