Borsa: Milano giù (-1,5%) con banche e greggio,male Leonardo

Bene i farmaceutici, non le auto. Calo di Autogrill e Pirelli

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Finale di settimana in tensione per Piazza Affari (-1,5%), in linea col resto d'Europa, ma con l'aggiunta delle tensioni sulle sorti della crisi di governo, su cui Moody's mette sull'avviso per il Recovery: da usare, pena un'influenza negativa sul rating del Paese. Restano intanto i problemi legati al Covid 19 e ai ritardi nell'arrivo dei vaccini.
    A Milano il listino principale ha visto in positivo pochi titoli, Inwit (+1,4%), i farmaceutici Diasorin (+0,7%) e Recordati (+0,6%), e la parità per Mediobanca (+0,08%). Ad avere la peggio è stata Leonardo (-3,6%), insieme ai petroliferi, da Saipem (-3,5%) a Tenaris (-3,4%) e Eni (-1,4%), col greggio in calo (wti -1,5%) a 52,3 dollari al barile a sera. In difficoltà le banche, con lo spread arrivato a chiudere in salita a 126 punti, a cominciare da Unicredit (-3,2%), Banco Bpm (-2,8%), Bper (-2,7%) e Intesa (-1,7%). Meno peggio Mps (-0,2%) che attende la settimana prossima il cda sul piano. Male le auto con Stellantis (-2,9%), dopo l'esordio in corsa sui mercati a inizio settimana, e i componenti con Pirelli (-3,1%). Altra seduta negativa per Autogrill (-3,8%), il giorno dopo l'annuncio dell'aumento di capitale. Giù Mediaset (-2,1%), che ha vinto per i diritti d'autore nei casi Dailymotion e Veoh. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia



        Vai al sito: Who's Who

        Modifica consenso Cookie