Di Battista: 'Riprendiamoci Autostrade ma la Lega tace'

'Recuperare il controllo delle autostrade farà entrare nelle casse dello Stato miliardi di euro da investire nella diminuzione del carico fiscale o nell'abbassamento dei pedaggi. Si può fare, purché si abbia il coraggio'

"Questo è il momento di riprendere il controllo delle autostrade, la battaglia non è semplice. Ovviamente se la Lega decidesse di combatterla sarebbe tutto più facile ma la Lega tace". Così Alessandro Di Battista in un post su Fb dove rilancia la questione della revoca della concessione ai Benetton. "Recuperare il controllo delle autostrade farà entrare nelle casse dello Stato miliardi di euro da investire nella diminuzione del carico fiscale o nell'abbassamento dei pedaggi. Si può fare, purché si abbia il coraggio" dice.

"Il 14 agosto arriverà presto e i morti non si possono piangere e basta. I minuti di raccoglimento lasciano il tempo che trovano, così come il ricordo se non è affiancato da scelte drastiche. Ho sempre ritenuto sacrosanto che fosse lo Stato a gestire le autostrade, lo penso ancor di più da quel maledetto 14 agosto scorso quando un ponte veniva giù uccidendo 43 persone. Le autostrade sono state costruite con i soldi dei cittadini, con le tasse dei nostri padri, dei nostri nonni, non si capisce perché a guadagnarci sopra debbano essere i Benetton, i proprietari del gruppo Atlantia del quale fa parte Autostrade per l'Italia SPA", premette Di Battista che ricorda come il gruppo abbia "incassato denari a palate grazie ai regali della politica. Parliamo di quasi 10 miliardi di utili, più o meno il costo della flat tax".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA