• Ania: Farina, investimenti da 950 miliardi per il rilancio
ANSAcom

Ania: Farina, investimenti da 950 miliardi per il rilancio

Conte, nuovo patto pubblico-privato

Roma ANSAcom

 Nuove regole più semplici per liberare tutta le potenzialità dell'investimento assicurativo. È la richiesta che arriva dalla presidente dell'Ania, Maria Bianca Farina, all'assemblea annuale dell'associazione. "Siamo un settore con un peso rilevante nel Paese e possiamo essere parte fondamentale per il piano di ripresa dell'Italia", dice Farina ricordando che, alla fine dello scorso anno, gli investimenti delle imprese assicurative valevano oltre metà del Pil, 950 miliardi di euro, e assorbivano il 15% dei titoli di stato italiani in circolazione.
All'assemblea interviene il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, che apre alle imprese proponendo un "nuovo patto pubblico-privato". Conte sottolinea anche "la solidità dei fondamentali del comparto assicurativo che ha dimostrato, pur risentendo pesantemente della crisi, di saper resistere al duro stress test della congiuntura pandemica".
"Il sistema assicurativo italiano si mantiene complessivamente solido anche in un contesto difficile", rimarca anche il presidente dell'Ivass, Daniele Franco. Gli indici di solvibilità delle imprese, secondo i dati dell'autorità di vigilanza, sono tornati su livelli vicini a quelli di fine 2019, prossimi al 210%.
"Il settore assicurativo non è rimasto immune dallo shock", osserva Farina, ma è riuscito comunque chiudere i primi sei mesi dell'anno con una raccolta netta positiva per il ramo vita, seppure in calo del 15% circa rispetto allo stesso periodo del 2019. Mentre per l'Rc auto i premi sono diminuiti di oltre il 5% nei primi otto mesi dell'anno e, nella stessa misura, è sceso il premio medio per veicolo, anche per le politiche delle compagnie di reagire al calo degli incidenti nel lockdown con misure per i clienti come voucher o prolungamento dei contratti.
Per ridurre ulteriormente i prezzi delle polizze auto, l'Ania propone di standardizzare i risarcimenti per lesioni gravi, in linea con gli altri Paesi europei, e calmierare la dinamica di crescita (oltre il 45% dal 2009). Altre richieste sono affrontare in maniera più incisiva il fenomeno delle truffe assicurative, contrastare il fenomeno dei circa 2,6 milioni di veicoli che circolano senza assicurazione, e ripensare "radicalmente" il sistema di bonus-malus. .
Farina annuncia poi, a breve, la presentazione dei risultati di un gruppo di studio di economisti, virologi, assicuratori, riassicuratori e Autorità di vigilanza sulla possibilità di polizze per i danni derivanti da future pandemie. "Questa possibilità potrà essere concreta se si agirà nella logica della partnership pubblico-privato e se, per le risorse private, si potrà accedere alla leva della mutualità assicurativa", spiega la presidente dell'Ania. E subito ottiene la disponibilità del ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, che dice di "condividere" questo approccio.

In collaborazione con:
ANIA

Archiviato in


      Modifica consenso Cookie