/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Tacconi, bisogna tornare al vecchio direttore di banca

Tacconi, bisogna tornare al vecchio direttore di banca

Per candidato Lega 'rating non può essere sola valutazione'

TERNI, 29 maggio 2024, 16:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonio Tacconi, imprenditore e candidato indipendente per la Lega alle prossime elezioni europee, ha lanciato un messaggio "chiaro e deciso" in merito all'attuale sistema bancario e in particolare all'accesso al credito. "Il meccanismo del rating non può essere l'unico metodo di valutazione, bisogna tornare al vecchio direttore di banca" ha sostenuto.
    Tacconi, in una nota, sottolinea l'importanza di ristabilire un rapporto più diretto e umano tra le banche e i cittadini, le famiglie e le aziende, per migliorare l'accesso al credito. "Il sistema attuale, basato esclusivamente su algoritmi e rating, ha allontanato le banche dalle persone. Le decisioni sono prese in modo freddo e distaccato, senza tener conto delle reali esigenze e delle potenzialità dei richiedenti".
    Secondo Tacconi, "il vecchio direttore di banca rappresenta un modello di relazione più umano e personale". "Il direttore di banca di una volta - ha spiegato - conosceva i suoi clienti, le loro storie e le loro necessità. Era in grado di valutare non solo i numeri, ma anche le persone dietro quei numeri. Questo approccio consentiva un accesso al credito più equo e mirato, sia per le famiglie che per le imprese". Tacconi propone quindi un ritorno a questo modello "per promuovere uno sviluppo economico più inclusivo e sostenibile". "Dobbiamo restituire fiducia ai cittadini e alle aziende - ha proseguito -, garantendo loro un interlocutore bancario che li comprenda e li sostenga nelle loro esigenze finanziarie. Anche grazie a questa azione si potrà favorire la crescita e l'innovazione, riducendo al contempo le barriere all'accesso al credito".
    In conclusione, Tacconi annuncia che, se eletto, lavorerà per promuovere politiche che "incentivino le banche a ristabilire un rapporto più personale con i propri clienti, tornando a mettere al centro il necessario rapporto tra banca e impresa".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza