ResponsAbilmente - ANSA2030 - ANSA.it

Magazzino Solidale Aisla, nuova vita per ausili e materiali

Si potranno mettere a disposizione di chi ha bisogno

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Incentivare lo scambio di materiali di consumo e ausili in buono stato che magari sono in esubero o non più necessari. Nasce con questo obiettivo il Magazzino Solidale di Aisla, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica. Un'opportunità sottolinea Aisla "per rimettere in circolo oggetti, materiali e strumenti che possono continuare a rappresentare una risorsa per chi ne ha bisogno". Ciascun donatore potrà pubblicare contemporaneamente sulla sezione del sito di Aisla www.magazzinosolidale.it fino ad un massimo di 5 annunci di cessione gratuita di beni.
    Possono essere inseriti strumenti che facilitano la presa, come impugnature o pinze che permettono di afferrare oggetti altrimenti impossibili da prendere; bicchieri o piatti adattabili o anche apparecchi per cucinare. Oppure strumenti per il tempo libero, ad esempio carrozzine adattate per lo sport, o ancora strumenti per la riabilitazione passiva. Molto importanti gli ausili per la cura e l'igiene personale: le sedie da doccia e da bagno, i tappeti, i maniglioni da bagno. Più complessi, invece, gli ausili per la mobilità che devono essere adattati alle caratteristiche fisiche della persona. Importanti anche gli strumenti per la deambulazione, per la posizione e la stabilizzazione o presidi per lo spostamento, come per esempio il sollevatore. Per quanto riguarda i materiali di consumo, potranno essere messi a disposizione sondini, filtri per ventilatori; circuiti; garze e guanti o anche l'acquagel e addensanti alimentari.
    Il servizio sarà gestito dalla sede nazionale di Aisla. "Responsabilità sociale e mutuo aiuto - evidenzia la presidente di Aisla, Fulvia Massimelli - Questo è lo spirito con il quale iniziamo il nuovo anno invitando tutti a partecipare al nostro Magazzino Solidale." Il progetto nasce da un' intuizione di Giancarlo Laudenzi, alla cui memoria è intitolato il servizio.
    Laudenzi in seguito alla perdita della moglie a causa della Sla è stato per anni volontario dell'associazione Aldo Perini e di Aisla, da cui è nata la collaborazione con il Comune di Settimo Milanese che ha portato all'apertura di uno sportello. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA