Putin, aumento prezzi energia dannoso anche per produttori

'La lotta alle emissioni è tema cruciale, lo capiamo'

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 13 OTT - L'aumento dei prezzi del gas, nonché in generale quello dell'energia, è "dannoso" per "i paesi produttori", non solo per i consumatori. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel corso del suo discorso alla settimana dell'energia a Mosca. "Il mercato ha bisogno di stabilità e prevedibilità e dobbiamo lanciare un dialogo tra produttori e consumatori per beneficiare entrambe le parti", ha detto Putin. "Siamo pronti a discutere altre azioni con i nostri partner europei", ha aggiunto sottolineando che la Russia condivide la sfida alla lotta al "cambiamento climatico", che mette a rischio l'umanità.

Putin ha anche detto che "la lotta al cambiamento climatico è "una questione cruciale" perché in ballo c'è il "futuro dell'umanità". E la Russia "lo capisce". "Le temperature in Russia aumentano di più della media globale: noi rispettiamo gli accordi, vogliamo ridurre le emissioni", ha detto Putin ricordando l'obiettivo della neutralità delle emissioni "entro il 2060". 

La Russia è pronta ad aumentare le forniture di gas ha detto poi Putin, ripreso dalla Tass. "Se ci chiederanno di aumentarle, siamo pronti ad aumentarle ancora. Le stiamo aumentando tanto quanto ci chiedono i nostri partner. Non c'è stato nessun rifiuto, neanche uno", ha detto Putin in un forum sull'energia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA