Pets

La pet humanization, animali di famiglia in tutto dal cibo ai vestiti

Coccole e salute prima di tutto anche durante la recessione in pandemia

Pet Humanization - Pixabay - free of rights © Ansa
  • di A.M.
  • 07 dicembre 2020
  • 17:10

Appartiene all'epoca contemporanea e si va sempre più affermando la pet humanization, la tendenza a considerare i propri animali domestici come membri effettivi della famiglia prendendosene cura come simili, 'vestendoli' come noi, facendoli mangiare anche con prodotti in molti casi simili o derivati da quelli per uso umano. Secondo il rapporto CPG Household and Pet Care di Edge di Ascential, la spesa per la cura dei propri animali domestici in Europa crescerà fino al 2023 del 28% arrivando a toccare quota 203 miliardi di dollari. Mercato quello europeo che si posiziona al terzo posto, poco sotto il Nord America con 281 miliardi e al mercato Asia-Pacifico che guida la classifica con 384 miliardi di dollari e un aumento della spesa del 37%.
Il marketplace europeo per la spesa online Everli in un report di dicembre 2020 ha rilevato che i prodotti per animali rientrano nella top 15 dei più acquistati dagli italiani (al 15° posto), subito dopo i generi alimentari primari come frutta e verdura, o i prodotti per i bambini e per l’infanzia. Viene inoltre stilata la classifica delle 10 delle città italiane con la percentuale più alta di acquisti pet, che mette in luce come Lombardia e Liguria siano le due regioni più pet addicted di Italia. I proprietari di gatti acquistano di più online e gli alimenti per cani e gatti (80%) risultano i più acquistati in assoluto, seguiti da lettiere e deodoranti al secondo posto (14%), mentre giochi e accessori chiudono in terza posizione (6%).
Lovbau, la startup che ha ideato il piatto pronto per cani surgelato da fresco completamente naturale, ha avviato una partnership con Glovo, la piattaforma di “anything delivery” attiva in Italia e così nelle città di Roma, Milano e Monza è possibile ordinare e ricevere a casa in poco tempo un prodotto pronto all’uso per il proprio cane. Ogni ingrediente viene cotto separatamente come in una cucina domestica, successivamente porzionato e congelato da fresco. Il processo di abbattimento a basse temperature è l’unico metodo di conservazione utilizzato, che consente di non aggiungere nulla agli ingredienti della ricetta e garantisce il mantenimento di tutte le proprietà organolettiche. Si tratta di piatti pronti ispirati alla cucina casalinga, e per questo non hanno il tipico odore del cibo per animali, impiattati ad alta resa estetica in una comoda vaschetta che consente di distinguere visivamente ogni ingrediente e la sua percentuale presente nella confezione. Tra le proposte in menù: tacchino al vapore con riso e zucchine; spezzatino di vitellone, riso, grana e verdure; bocconcini di suino con riso, carote, zucchine e gusci d’uovo e infine, l’opzione mix vegetariano: con pasta, ricotta uova, zucchine e carote.
L’alimentazione è sicuramente una delle categorie a cui gli amanti degli animali (e dei cani) prestano più attenzione. I consumatori sono sempre più scrupolosi riguardo ciò che acquistano per i loro amici a quattro zampe e più propensi a spendere cifre consistenti per assicurare ai loro pet alimenti che siano freschi, sani, nutrienti e che possano migliorare la qualità della loro vita. La startup Dog Heroes (dogheroes.it) a un anno dal debutto festeggia gli oltre 1000 clienti serviti, più di 50.000 pappe distribuite (19 tonnellate). E' stata una delle prime realtà a intercettare il trend proponendo un servizio di cibo fresco per cani, basato su piani alimentari personalizzati, ideati da veterinari nutrizionisti, porzionati e cotti in forno pronti per essere serviti, consegnati poi in tutta comodità a domicilio, pappe realizzate senza additivi chimici né conservanti risultato di processi di selezione delle materie prime “human grade” e processi produttivi identici a quelli della produzione alimentare per l'uomo: preparate con oltre il 50% di proteine (carne o pesce), oltre a verdure, cereali, vitamine e sali minerali, e cucinato in un laboratorio in Lombardia. Come del resto accade in America nelle molte catene dedicate al cibo fresco per gli animali - leggi - In Usa tutto per i cani, rosticcerie e dog cafè e sempre più spesso anche in Italia, come la dog bakery Doggyebag che propone tra l'altro canettone e candoro, i dolci per Natale.

“I proprietari di animali domestici amano i loro amici e si impegnano a trattarli bene. Mentre l'economia si riprende, i consumatori cercheranno il valore in questa categoria, ma non a scapito della qualità. Il desiderio di mantenere la salute dei loro animali domestici e di coccolarli con prodotti di alta qualità manterrà il mercato degli animali domestici in lenta crescita durante la recessione. A breve termine, i servizi per animali domestici saranno innovativi, con aumento dell'on line", si legge nel recente report Mintel sul tema.

E poi c'è il tema moda: le griffe hanno moltiplicato le proposte per gli animali e comunque in chiave pet humanization. Valentino ha presentato un progetto speciale, Valentino Garavani Rockstud Pet, per celebrare i pet personalizzando la propria borsa con il ritratto dell’animale preferito attraverso le illustrazioni dell’artista Riccardo Cusimano. Apripista Temellini Dog-à-Porter: una linea sartoriale per amici a quattro zampe condivisa in tessuti e dettagli con quella dei loro padroni.

  • di A.M.
  • 07 dicembre 2020
  • 17:10

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie