Società & Diritti

Nelle strade d'Europa le pietre d'inciampo memoria quotidiana dell'Olocausto

Non solo il Giorno della Memoria, quelle targhe dorate sono museo diffuso

Memorie d'inciampo © Ansa


Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria: si ricordano le vittime dell’Olocausto, del nazismo e del fascismo. Perchè qesto giorno e non un altro? In una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 1º novembre 2005 è' stata scelta questa data perché il 27 gennaio del 1945 verso mezzogiorno le truppe sovietiche dell’Armata Rossa arrivarono nei pressi di Auschwitz scoprendo l’orrore dell'enorme campo di concentramento e sterminio utilizzato dai nazisti. Il generale Viktor Kurockin con i suoi soldati entrarono e trovarono circa 7.000 prigionieri sopravvissuti, tra cui una cinquantina di bambini che non avevano otto anni. In quel campo avevano trovato la morte  960mila ebrei, 74 mila polacchi, 21mila rom, 15mila prigionieri di guerra sovietici e 10 mila persone di altre nazionalità secondo i dati dell’US Holocaust Memorial Museum.

Il Giorno della Memoria si celebra in tutto il mondo e naturalmente anche in Italia dove nei giorni precedenti tante sono le iniziative per ricordare le vittime dell'Olocausto. Ma, come ha detto al Quirinale Liliana Segre neo senatrice a vita, sopravvissuta ad Auschwitz, in questi giorni se ne parla persino troppo mentre dovrebbe essere oggetto di studio e memoria durante l'anno. E' per questo che anno dopo anno l'idea dell'artista tedesco Gunter Demnig aumenta di valore: le sue pietre d'inciampo, sparse in tutta Europa, compongono una straordinaria mappa della memoria in cui si ricordano le follie naziste contro ebrei, dissidenti, omosessuali, rom e sinti. E costringono i passanti, qualunque giorno dell'anno e in qualunque luogo capiti, di NON DIMENTICARE. Non è un memoriale emozionante come quello di Berlino o i vari altri che esistono, luoghi in cui programmare la visita, prepararla. Le pietre d'inciampo sono qualcosa di quotidiano, che rendono visibile l'invisibile.  Le pietre d'inciampo, sono discrezione e assenza di retorica. Il sampietrino non emerge ma s’interra, non s’impone ma vi si inciampa casualmente. La memoria non è esiliata nel monumento è un progetto in progress, che ci mette in connessione tra passato e presente, blocca i rigurgiti revisionisti semplicemente con un passo.

Come sono nate le pietre d'inciampo, ormai un museo diffuso:

Gli Stolpersteine, - pietre d'inciampo appunto - sono un progetto artistico animato da ragioni etiche, storiche e politiche. L’idea di Demnig risale al 1993 quando l’artista è invitato a Colonia per una installazione sulla deportazione di cittadini rom e sinti. All’obiezione di un’anziana signora secondo la quale a Colonia non avrebbero mai abitato rom, l’artista decide di dedicare tutto il suo lavoro alla ricerca e alla testimonianza dell’esistenza di cittadini scomparsi a seguito delle persecuzioni naziste: ebrei, politici, militari, rom, omosessuali, testimoni di Geova, disabili. Con un segno concreto e tangibile ma discreto e antimonumentale, a conferma che la memoria deve costituire parte integrante della nostra vita quotidiana.
Sceglie dunque il marciapiede prospiciente la casa in cui hanno vissuto i deportati e vi installa altrettante “pietre d’inciampo”, sampietrini del tipo comune e di dimensioni standard (10x10 cm.). Li distingue solo la superficie superiore, perché di ottone lucente.
Su di essa sono incisi: nome e cognome del/lla deportato/a, età, data e luogo di deportazione e, quando nota, data di morte.
Il giorno e l’ora della collocazione delle pietre è annunciata agli inquilini da una lettera del Municipio in cui si spiega che il progetto vuole “ricordare abitanti del quartiere uccisi e perseguitati dai fascisti e dai nazisti, deportati, vittime del criminale programma di eutanasia o oggetto di persecuzione perché omosessuali”.
L’inciampo non è fisico ma visivo e mentale, costringe chi passa a interrogarsi su quella diversità e agli attuali abitanti della casa a ricordare quanto accaduto in quel luogo e a quella data, intrecciando continuamente il passato e il presente, la memoria e l’attualità.
I primi Stolpersteine sono stati installati a Colonia nel 1995; da allora questa straordinaria mappa della memoria europea si è estesa sino a includere oltre 61.000 pietre. Invitato per la prima volta in Italia nel 2010, Gunter Demnig ha consentito al nostro paese di entrare a far parte di questo grande circuito internazionale della memoria.
Gli Stolpersteine sono finanziati da sottoscrizioni private; il costo di ognuno, compresa l’installazione, è di 120 euro.  Il 3 ottobre 2017 sono state installate le prime pietre fuori d'Europa: davanti la scuola Pestallozzi a Buenos Aires.

Il vandalismo della targa di Angelo Fiocchi a Milano il 24 gennaio è stato unanimente condannato come oltraggio alla Memoria.

Da Morellini editore è uscito nel gennaio 2018 un volume, Ultimo domicilio conosciuto, che in 13 storie racconta le pietre d'inciampo nella zona di Reggio Emilia, una antologia curata da Andrea Tarabbia che fa parte del progetto Botteghe di finzione.

A Roma, presso la Biblioteca della Casa della Memoria e della Storia è attivo uno “sportello” (casadellamemoria@bibliotechediroma.it / tel. 06/45460501) curato da Liliana Bilello ed Elisa Guida. A loro possono rivolgersi quanti intendono ricordare familiari o amici deportati attraverso la collocazione di uno Stolpersteine davanti alla sua abitazione.

Il sito web www.arteinmemoria.it, curato da Giovanni D’Ambrosio e Paolo La Farina, e Adachiara Zevi, documenta interamente le precedenti edizioni: la mappa dei luoghi dove sono stati installati i sampietrini, fotografie, film e testimonianze, il lavoro svolto dagli studenti che hanno aderito al progetto didattico, testi storici relativi alla deportazione di ebrei, politici e militari, un profilo biografico dell’artista e una vastissima rassegna stampa.Per la IX edizione del progetto “Memorie d’inciampo a Roma” promosso dall’Associazione ARTEINMEMORIA sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Municipio Roma I Centro, sono state posate nel Primo Municipio 3 nuove pietre d’inciampo, dedicate ad altrettante persone che sono state deportate e hanno perso la vita per motivi politici o razziali, nei marciapiedi prospicienti le case in cui queste persone hanno vissuto. L’installazione è stata curata personalmente dall’artista Gunter Demnig, ideatore del progetto. Le prime due pietre sono poste in Via della Reginella 27, alle ore 10.00, in memoria di Virginia Piazza e di Pacifico Di Consiglio. La terza pietra in Via Dei Delfini n.14, in memoria di Ester Mieli.

  • di Alessandra Magliaro
  • 27 gennaio 2018
  • 16:05

Condividi la notizia

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie