Mercedes EQS, 135 anni dopo ecco la nuova rivoluzione

L'innovazione tecnologica ridefinisce l'auto da Triciclo di Benz

Redazione ANSA ROMA

 La nuova Mercedes EQS verrà presentata ufficialmente il prossimo 15 aprile in un evento via web alla presenza di Ola Källenius e dei membri del board Britta Seeger, Markus Schäfer e Sajjad Khan. Ma l'elenco delle invenzioni e dei record di questa 'rivoluzionaria' super-ammiraglia elettrica è tanto lungo che la Stella a Tre Punte ha correttamente deciso di anticiparne alcuni dettagli, in una sorta di puzzle che - una volta composto - porterà alla definizione di quella che sembra essere una pietra miliare nella storia dell'automobile, così come 135 anni fa lo era stato il Triclclo con motore a scoppio di Karl Benz.
    Mercedes EQS fissa, ad esempio, un riferimento nel suo settore con il Cx record di 0,20, ottenuto non solo con un disegno specifico della carrozzeria (è una hatchback e non una tre volumi, come la Classe S tradizionale) ma anche con una serie di scelte progettuali specifiche, come la completa carenatura aerodinamica del sottoscocca, le maniglie a scomparsa e la riduzione al minimo indispensabile delle prese d'aria, vista la ridotta necessità di raffreddamento. Il tutto pur mantenendo un look da vera ammiraglia Mercedes e permettendo l'adozione di ruote fino a 22 pollici di diametro.
  

  La cura nell'affinamento aerodinamico di EQS ha permesso anche di ridurre a livelli inimmaginabili la rumorosità in marcia. Già silenziosa per il fatto di essere un'auto elettrica, la nuova Mercedes diventerà il riferimento in questo ambito, permettendo di muoversi - anche ad alta velocità - in un silenzio quasi assoluto. Merito della specifica struttura delle porte, delle inedite guarnizioni e per la prima volta di finestrini laterali in vetro stratificato. Spicca anche una particolare modanatura sui montanti del parabrezza che serve a migliorare il Cx e a ottimizzare la rumorosità.
    Costruita sulla inedita piattaforma EVA, EQS beneficia poi di una strategia seguita da Mercedes proprio da questo punto di vista, cioè la possibilità di usare nella nuova architettura (calibrata sulla sola propulsione elettrica) elementi delle sospensioni e di altri organi della già perfezionatissima Classe S.
    Così EQS condivide gli assali con smorzamento pneumatico, ma anche le ruote posteriori sterzanti (che consentono manovre da auto compatta) e il noto e apprezzato Dynamic Select con cui optare per le diverse modalità di guida Eco, Comfort e Sport intervenendo anche sulla risposta delle sospensioni e dello sterzo. E ci sarà perfino il sistema di parcheggio automatico già sviluppato con Bosch proprio per la Classe S.
    Restando in tema di sensori e di 'intelligenza' autonoma dell'auto la nuova EQS proporrà un sistema già visto nella Classe S per la chiusura elettrica delle porte, ma con qualcosa in più. Tutti e quattro gli sportelli possono aprirsi e chiudersi automaticamente attivandole tramite il display centrale. Quando il guidatore si avvicina alla EQS, la porta lato conducente si apre da sola e i sensori controllano l'ambiente attorno. E non c'è nemmeno bisogno di tirarla per la maniglia perché toccando il pedale del freno o un comando sullo schermo la porta si richiude da sola.
    Mercedes EQS sarà proposta nella versione 450+ con motore singolo da 245 kW (corrispondenti a 328 Cv ) 569 Nm di coppia e trazione posteriore. Ma anche nella variante EQS 580 4Matic+ con motore doppio da 385 kW (516 Cv) e ben 828 Nm di coppia massima, sfruttabile perfettamente grazie alla trazione integrale eATS con gestione vettoriale. La Casa della Stella a Tre Punte dichiara una autonomia WLTP fino a 770 chilometri a seconda dell'equipaggiamento e della configurazione del veicolo, con una velocità massima che in entrambe le versioni sarà limitata a 210 km/h.
    Basata su un'architettura a 400 Volt, EQS viene proposta con due diverse batterie a seconda della potenza e della trazione (posteriore o 4Matic) Ccon contenuto energetico utilizzabile di 90 o 107,8 kWh. Quello della batteria è uno degli ambiti maggiormente innovativi, tanto che Mercedes propone una garanzia di 10 anni o 250.000 chilometri. Si tratta di una inedita generazione di batterie con elevata densità di energia e una nuova chimica. La proporzione di cobalto è stata ridotta al 10% e il materiale attivo ottimizzato è costituito da nichel, cobalto e manganese in un rapporto di 8 a 1 a 1. E fanno un balzo in avanti anche la gestione termica e il software di funzionamento, con possibilità di aggiornamenti via etere.
    La ricarica può essere effettuata con potenze fino a 200 kW con una velocità che è superiore a qualsiasi altro modello BEV a 400 Volt, Tesla a parte. Presente nei sistemi di bordo anche la navigazione con Electric Intelligence, che tiene conto non solo dell'itinerario, del traffico e della posizione delle colonnine, ma anche delle condizioni termiche della batteria che può anche essere preriscaldata o raffreddata durante la guida per trovarsi nella finestra di temperatura ideale, ad esempio, arrivando in una stazione di ricarica rapida.  

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie