Disabili: dissuasore per proteggere posti auto riservati

Il servizio a Roma e Genova

Redazione ANSA ROMA

Gestire in modo digitale e con una tecnologia innovativa i posti auto riservati alle persone con disabilità. E' questo il nuovo servizio realizzato dal raggruppamento temporaneo d'imprese, costituito dalle aziende Bridge 129 Srl e Renewia Spa grazie al supporto di Unidata per risolvere il problema dell'occupazione dei posti auto riservati alle persone con disabilità. Lo si apprende da una nota.
    Bridge129 e Renewia, hanno messo a punto place4me, un sistema di dissuasione della sosta abusiva su posti auto riservati, che fa uso della rete IoT (Internet of Things) di Unidata.
    Il sistema prevede l'utilizzo di un dispositivo che viene installato e ancorato al suolo in corrispondenza di ciascun posto auto riservato. Un sensore al suo interno verifica l'occupazione dell'area da parte di un autoveicolo, attivando un segnale sonoro in presenza di veicoli non autorizzati. L'allarme si interrompe quando il parcheggio viene liberato dal trasgressore oppure quando viene disattivato tramite un telecomando specifico fornito al titolare del posto auto. Dopo il successo del sistema implementato nel centro di Roma per oltre 150 posti auto riservati, è stato avviato con un progetto pilota anche a Genova.
    "Questo progetto va avanti ormai da qualche anno, con risultati soddisfacenti. - dichiara l'Assessore alle Politiche Sociali e dei Servizi alle Persone del Municipio Roma I Centro, Emiliano Monteverde - Crediamo infatti che il dissuasore sia uno strumento indispensabile per sensibilizzare la cittadinanza sul rispetto delle regole basilari della convivenza civile". "Con tecnologia e innovazione diamo il nostro contributo per la risoluzione di una grave problematica riscontrabile su tutto il territorio nazionale", commenta Alberto Artioli, ad di Bridge 129. "Il sistema place4me ha una portata innovativa particolarmente rilevante in ambito Smart City - sottolinea Marcello Marino, IoT Business Development Manager di Unidata - e i valori etici ad esso associati ci rendono particolarmente orgogliosi della collaborazione con Bridge129 e Renewia".

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie