Pirelli, dopo 50 anni ecco Cinturato CN12:mai prodotto prima

Realizzato per collezionista, equipaggiava Lamborghini del 1971

Redazione ANSA ROMA

Il Cinturato CN12 che equipaggiava il prototipo della Lamborghini Countach LP 500 del 1971 arriva su strada dopo un'attesa lunga 50 anni. La versione definitiva della Countach, infatti, entrò in produzione nel 1974 con un pneumatico dalle specifiche differenti rispetto al CN12 del prototipo, che rimase quindi realtà solo sulla LP 500. Ora Lamborghini ha deciso di ricreare per un collezionista la storica vettura del 1971 e i tecnici Pirelli - dopo un accurato lavoro di ricerca e analisi dei documenti, delle specifiche di prova e dei progetti originali del pneumatico conservati nell'archivio storico della Fondazione Pirelli - hanno ricreato il CN12 studiato all'epoca per la vettura di Sant'Agata Bolognese.
    Pirelli, che collabora con Lamborghini dal 1963, ha dunque ricostruito i pneumatici montati sul prototipo LP 500, che all'epoca della sua esposizione ginevrina calzava il Cinturato CN12, il primo pneumatico ribassato che già era ai piedi della leggendaria Miura con differenti misure. Pirelli aveva sviluppato appositamente per la LP 500 questi pneumatici, con un rapporto altezza - larghezza di 0,60, il più basso mai realizzato fino a quel momento. I pneumatici erano nella misura 245/60 R14 all'anteriore e 265/60 R14 al posteriore, le stesse utilizzate oggi per il modello ricostruito, come uguale è il disegno del battistrada, mentre mescola e struttura sono all'avanguardia per offrire più sicurezza rispetto agli standard di allora.
    La ricostruzione della Countach LP 500, al suo debutto al Concorso d'Eleganza di Villa d'Este, è stata eseguita dal Polo Storico di Automobili Lamborghini che ha dedicato oltre 25.000 ore di lavoro per soddisfare il desiderio di un appassionato del marchio bolognese. La Lamborghini Countach, seppe imporsi all'epoca stabilendo gli stilemi che caratterizzarono le auto dagli anni Settanta ad oggi.
    La storica collaborazione fra le due aziende italiane ha portato a un processo di reciproca innovazione tecnologica che si è susseguito negli anni. Dai primi modelli di Lamborghini, che montavano pneumatici della famiglia Cinturato, si è arrivati ad oggi, con i pneumatici di ultima generazione della famiglia P Zero, gli Ultra High Performance (UHP) che uniscono l'esperienza Pirelli acquisita nell'ambito delle competizioni automobilistiche alla collaborazione con le case auto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie