Bentley: taglio 233 tonnellate emissioni CO2 in produzione

Ottenuto in 12 mesi rifornendo con biocarburante mezzi logistica

Redazione ANSA ROMA

Nel primo anno di attività del sistema di rifornimento con biocarburante ricavato da rifiuti per i veicoli per la logistica installato a Crewe, in Gran Bretagna, Bentley Motors ha ridotto di 233 tonnellate la quantità di CO2 che sarebbe stata invece immessa nell'atmosfera.
    Per compensare la stessa quantità di CO2 - che rappresenta un risparmio dell'86% - l'azienda avrebbe dovuto piantare 23.291 alberi.
    L'impegno a favore dell'ambiente ha comportato l'erogazione di 34.000 litri di biocarburante Green D+ che è costituito da olio vegetale esausto idrotrattato (HVO) ottenuto per raffinazione di prodotti rinnovabili e sostenibili come grassi di scarto, verdure e olio. Lo hanno utilizzato 15 camion HGV che trasportano parti tra Crewe e un deposito di stoccaggio dell'azienda a Winsford, oltre ad altri 20 furgoni più piccoli in fabbrica e diversi mezzi di sicurezza.
    La conseguente riduzione delle emissioni nel più ampio sito produttivo Bentley ha contribuito a garantire la ricertificazione secondo lo standard PAS 2060 Carbon Neutral, con una compensazione sostanzialmente ridotta rispetto a quando la certificazione è stata ottenuta per la prima volta nel 2019.
    Da notare che - oltre allo schema di utilizzazione dei biocarburanti HVO - a Crewe gli oltre 250 carrelli elevatori e i piccoli trattori utilizzati all'interno della fabbrica vengono ricaricati con elettricità verde fornita in gran parte dai 30mila pannelli solari collocatati nella fabbrica.
    Questi progetti sono solo una parte della strategia pionieristica Beyond100 di Bentley, che mira a rendere l'azienda un leader globale nella mobilità di lusso sostenibile. Beyond100 trasformerà le operazioni di Bentley, incluso il passaggio dell'intera gamma di modelli a veicoli completamente elettrici solo entro il 2030, rendendo l'azienda a zero emissioni di carbonio entro la stessa data.
    "In Bentley i nostri veicoli logistici - ha detto Peter Bosch, membro del board con responsabilità per manufacturing di Bentley Motors - coprono circa 300mila miglia all'anno e questa ha rappresentato un'opportunità perfetta per introdurre combustibili rinnovabili che riducono le emissioni di CO2 locali dell'86%. Un anno dopo l'implementazione iniziale, i combustibili sostenibili e l'elettricità solare costituiscono ora parte integrante della nostra strategia di sostenibilità logistica a breve e medio termine e stiamo ora lavorando per estenderne l'uso".
    A settembre, nell'ambito della nostra settimana 'gotozero', Bentley ha avviato i primi esperimenti pilota nell'ambito delle consegne ai dealer nel Regno Unito utilizzando veicoli alimentati con biocarburanti e conta a estenderlo nel 2022s.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie