Lamborghini: Rouven Mohr nuovo Chief Technical Officer

A Maurizio Reggiani il ruolo di Vice President Motorsport

Redazione ANSA ROMA

Novità in vista nell'ambito della Direzione Ricerca e Sviluppo di Automobili Lamborghini. Rouven Mohr assume la responsabilità del Dipartimento R&D in qualità di Chief Technical Officer e lascia l'attuale ruolo di Head of Verification/Validation Whole Vehicle presso Audi AG in Germania. Il passaggio di consegne avviene con Maurizio Reggiani che assume la posizione strategica di Vice President Motorsport dell'Azienda.
    Da Maurizio Reggiani dipenderà il prossimo orientamento strategico dell'intero comparto Motorsport di Lamborghini.
    "Maurizio Reggiani - ha commentato Stephan Winkelmann, Chairman e CEO di Lamborghini - è stato dietro ogni decisione fondamentale che ha consentito a questa Azienda di raggiungere i primati di oggi. E' stato il padre dei modelli Lamborghini di maggior successo, dalla Aventador all'Urus, dalla Huracán alla Countach LPI 800-4, modelli diventati icone della storia di questo marchio o che presto lo diventeranno. La sua visione pionieristica ha dato continuità al DNA di Lamborghini, che fa della spinta all'innovazione uno dei suoi valori fondanti dal 1963. Oggi, la sua profonda e lunga esperienza in campo automotive andrà a supporto di uno dei settori strategici chiave, dove puntiamo a diventare sempre più protagonisti. Al tempo stesso, accogliamo con entusiasmo nella famiglia Lamborghini Rouven Mohr, la cui nomina avviene in un momento cruciale di profonda trasformazione dell'Azienda, in vista della prossima elettrificazione dell'intera gamma prodotto". 

Modenese di nascita (1959), Maurizio Reggiani è nato e cresciuto nella Motor Valley. La sua è letteralmente una vita passata tra i motori ad alte prestazioni: prima quelli Maserati, dove inizia la sua carriera nel 1982 nel reparto dedicato alla progettazione e sviluppo motori. Poi Bugatti a Campogalliano, dal 1987 al 1995, dove è responsabile per il gruppo di propulsione della EB110. Infine Lamborghini, dove entra a far parte nel 1995 come Project Leader della Murciélago, ruolo che mantiene fino al 2001, quando viene nominato Responsabile del Dipartimento Ricerca e Sviluppo per il settore propulsione e sospensioni. Nel 2006 viene nominato Chief Technical Officer e in questo ruolo ha definito le strategie alla base delle più importanti innovazioni tecnologiche e del design dei modelli V12, V10 e V8T e delle few-off della Casa del Toro, contribuendo così a sostenere con prodotti di continuo successo i primati commerciali degli ultimi anni. Rouven Mohr è nato nel 1979 a Saarbrücken in Germania. Dopo una laurea in Ingegneria presso l’Università Tecnica di Kaiserslautern e un dottorato in Meccanica numerica, entra in Audi nel 2008 all’interno della Direzione tecnica come Testing Engineer for Chassis Durability, per poi acquisire crescenti responsabilità fino alla nomina nel 2014 a Head of Project Management Whole Vehicle per i modelli Audi A3, TT, Q7 e Q8. Nel 2017 passa in Lamborghini, dove per due anni, in qualità di Head of Whole Vehicle Development, segue lo sviluppo dei modelli Aventador, Huracán e Urus, per poi rientrare in Audi con il ruolo di Head of Energy and Weight-Management. Da ultimo, nel 2020 giunge la nomina a Head of Verification / Validation Whole Vehicle, esperienza che si completa oggi con un ritorno in Lamborghini a capo del Dipartimento R&D.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie