Tumore polmone, poco usati test genetici per cure precisione

Sono gli Ngs, innovativi e indispensabili per le terapie mirate

Redazione ANSA ROMA

Scoprirne la carta d'identità del tumore al polmone con innovativi test genetici, aiuta a migliorare l'aspettativa di vita dei pazienti perche' permette la scelta di terapie di precisione che stanno entrando sempre di sempre di piu' nell'arsenale farmaceutico contro i tumori.

L'accesso però non è omogeneo e nel nostro Paese un adenocarcinoma su due non viene ancora "fotografato" geneticamente come invece sarebbe possibile. Se n'è parlato all'incontro "Nuove strategie per la lotta ai tumori del polmone" di The European House Ambrosetti con il contributo non condizionante di Amgen. C'è una nuova arma diagnostica per combattere il tumore al polmone, al terzo posto per diffusione, con 41 mila casi nel 2020, e al primo come causa di morte, con 34 mila decessi annui, in Italia: gli innovativi test Ngs (Next Generation Sequencing), che consentono una valutazione simultanea di decine di alterazioni genetiche sui carcinomi polmonari non a piccole cellule.

Nel caso del tumore al polmone sono importanti perché si tratta della neoplasia con il più alto numero di mutazioni identificabili e perché sono difficili prelievi di tessuto utili a rivelare le diverse mutazioni. "Meno del 40% dei nostri laboratori di biologia molecolare usa attualmente NGS nella routine diagnostica quotidiana-evidenzia Marcello Tiseo, professore Associato di Oncologia, Università di Parma-nella maggioranza delle strutture viene eseguito uno studio molecolare di base. Quindi il 50% dei tumori polmonari non a piccole cellule rischia di non venire adeguatamente caratterizzato da un punto di vista molecolare: un aspetto non secondario, se si considera che la sopravvivenza a 5 anni (attualmente del 16%) sta aumentando proprio per i trattamenti con i farmaci a target, più efficaci e meglio tollerati dai pazienti". La ricerca ha scoperto infatti mutazioni genetiche che possono essere presenti nel 60% dei tumori al polmone non a piccole cellule; ed è possibile impostare in 4 casi su 10 terapie mirate.

"È auspicabile - spiega Renato Franco, della Società Italiana di Anatomia Patologica e Citopatologia diagnostica - aumentare il numero di laboratori di biologia molecolare in grado di avvalersi di questa tecnologia, distribuendoli equamente sul territorio". I test potrebbero inoltre rappresentare anche un risparmio per l'Ssn. Il Parlamento ha poi approvato due mozioni, in cui si prevede anche un finanziamento dei test sull'esempio europeo. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA