ANSAcom

ANSAcom

Covid: vaccini di routine dimenticati, una campagna li rilancia

PerchéSì, progetto Sanofi Pasteur che vede protagonisti giovani

ANSAcom

Rispettare i calendari vaccinali in un contesto stravolto dalla pandemia Covid-19. Dire si ai vaccini “di routine” che proteggono e salvano vite.Questo il messaggio che vuole lanciare #PerchéSì, progetto di co-creazione di Sanofi Pasteur quest’anno in collaborazione con Scuola Holden che coinvolge gli studenti delle scuole di specializzazione di Igiene nello sviluppo di campagne di comunicazione scientifiche, efficaci e social. Oggi l’iniziativa, giunta alla terza edizione, è entrata nel vivo. Ha avuto luogo infatti la fase di Group Forming, la creazione dei gruppi interdisciplinari di specializzandi e giovani talenti esperti di comunicazione. Sono stati avviati i lavori dando il via all’Acceleration Program, fase operativa di elaborazione delle campagne. Secondo un sondaggio Unicef, Oms e Gavi su 82 Paesi ben tre quarti hanno riportato interruzioni legate a COVID-19 nei programmi di immunizzazione a partire da maggio 2020, mentre sempre l’Oms e Unicef hanno dichiarato che il 2020 potrebbe aver segnato la prima diminuzione in 28 anni del tasso di immunizzazione tra i bambini. L’Oms e il Calendario per la vita, nato dalla collaborazione dei maggiori esperti che si occupano di vaccinazioni, hanno entrambi indicato lo stravolgimento dei calendari vaccinali come una delle insidie maggiori che si sono celate sotto l’emergenza della pandemia. In Italia, secondo un’indagine della Società italiana di pediatri,, inoltre, più del 30% delle famiglie ha deciso nella prima fase della pandemia, di rimandare i vaccini dei propri figli per paura di un potenziale rischio di contagio, lasciandoli però potenzialmente esposti a quello di incorrere in altre patologie infettive prevenibili con la vaccinazione. Numerose le iscrizioni al contest di Sanofi Pasteur che vede la partecipazione di 125 specialisti provenienti da 22 scuole di igiene da tutta Italia e 94 giovani esperti di comunicazione. Dottorandi e ricercatori, ma anche divulgatori e giornalisti scientifici, blogger e influencer. I giovani professionisti saranno impegnati a sviluppare forme e strumenti di comunicazione innovativi per veicolare la necessità di non trascurare le vaccinazioni “di routine” e rispettare le scadenze dei programmi ministeriali.“L’emergenza sanitari—sottolinea Mario Merlo, General Manager di Sanofi Pasteur Italia - ha generato paura e giustamente catalizzato su di sé l’informazione. Con questa terza edizione di #PerchéSì vogliamo accendere i riflettori su tutte quelle misure di prevenzione che rischiano di venire trascurate affinché questa già terribile pandemia non prolunghi ulteriormente i suoi effetti sulle nostre comunità”. I partecipanti lavoreranno insieme fino a ottobre per poi lasciare spazio alla valutazione della giuria.

In collaborazione con:
Sanofi

Archiviato in


Modifica consenso Cookie