Due sonde salutano Venere

La Solar Orbiter e BepiColombo, a 33 ore l'una dall'altra

Redazione ANSA

C'è grande traffico intorno a Venere in questi primi giorni di agosto. Le sonde Solar Orbiter e BepiColombo si preparano infatti a salutare il pianeta in due passaggi ravvicinati rispettivamente il 9 e il 10 agosto, a distanza di sole 33 ore l'una dall'altra. Lo rendono noto l'Agenzia spaziale europea (Esa) e l'Agenzia spaziale italiana (Asi).

Dopo aver rilasciato le prime immagini ravvicinate del Sole e in seguito al primo rendez-vous attorno al pianeta avvenuto nel dicembre 2020, Solar Orbiter, frutto di una partnership tra Esa e Nasa, torna ad avvicinarsi a Venere per poi proseguire il suo viaggio verso il Sole. Si prevede che la sonda raggiunga la distanza di 7.995 chilometri dal pianeta il 9 agosto.

Lanciata il 10 febbraio 2020, è equipaggiata con dieci strumenti, tre dei quali realizzati con il contributo italiano. Tra questi c'è Metis, lo strumento per l'osservazione della corona solare realizzato dall'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), le università di Firenze e di Padova e dall'Istituto di Fotonica e nanotecnologie del Consiglio Nazonale delle Ricerche ( Cnr-Ifn), e la collaborazione di un consorzio industriale italiano.
Si prevede che alla fine del 2021 Solar Orbiter completi la sua fase di crociera e di messa a punto degli strumenti a bordo, in vista dell'avvio delle osservazioni scientifiche all'inizio del 2022. I dati acquisiti finora dalla missione forniranno informazioni sul comportamento del Sole.

Il passaggio ravvicinato di Bepi Colombo, frutto della collaborazione tra l'Esa e l'agenzia spaziale giapponese Jaxa, con il forte contributo dell'Italia, è previsto alle 15:48 italiane del 10 agosto alla distanza di soli 550 chilometri. La sonda e' diretta verso Mercurio e si prevede che si avvicini nuovamente a Venere nella notte tra il primo e il 2 ottobre.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA