L'Italia, con Leonardo, costruirà nuovi orologi atomici per Galileo

Per la seconda generazione di satelliti del sistema di navigazione europeo

Redazione ANSA ROMA

Parlano italiano anche i nuovi orologi ad altissima precisione che scandiranno il tempo a bordo dei satelliti Galileo, cuore del sistema di navigazione europeo. E' stata infatti affidata a Leonardo, che prevede per questo di ampliare lo stabilimento di Nerviano, la realizzazione degli orologi atomici all'idrogeno anche per i 12 nuovi satelliti della seconda generazione del sistema Galileo. Il contratto è stato assegnato da Commissione europea e Agenzia Spaziale Europea (Esa) e la consegna è prevista per il 2023. Sull'operatività degli orologi atomici Leonardo potrà fornire inoltre assistenza tecnica all'Agenzia dell'Unione europea per il programma spaziale (Eusapa), responsabile dell'utilizzo del sistema Galileo.

"Orgogliosi di questo successo, siamo costantemente al lavoro per sviluppare orologi sempre più performanti, compatti e precisi, per la navigazione satellitare sul nostro Pianeta e, un giorno, sulla Luna o su Marte" ha detto Giovanni Fuggetta, responsabile dell'area di Business Spazio nella divisione Elettronica di Leonardo.

Si conferma così il ruolo della tecnologia italiana per il sistema di navigazione satellitare europeo e il suo asso nella manica è ancora l'orologio atomico Phm (Passive Hydrogen Maser, o Maser passivo a idrogeno). Come tutti gli orologi atomici, a scandire il suo ticchettio garantendo una precisione notevole è l'interazione fra una radiazione elettromagnetica e la frequenza di risonanza degli atomi. Phm stato il primo orologio di questo genere a volare nello spazio e il più accurato mai messo in orbita, al punto che accumula un errore di un secondo ogni tre milioni di anni. Si tratta del cuore tecnologico del sistema di navigazione europeoperché la precisione degli orologi è fondamentale per una localizzazione accurata a terra al servizio della mobilità intelligente, per il controllo dei droni e per l'Internet delle cose.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA