Mondo agricolo protagonista cerimonia onorificenze al Merito Repubblica

Da (R)esistenza anticamorra a orto sociale e cuoche combattenti

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 29 NOV - Volti e storie di impresa del mondo agricolo e enogastronomico tra i premiati oggi al Quirinale dal capo dello Stato Sergio Mattarella. Tra questi, sono stati insigniti del titolo di Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana: - Ciro Corona, 40 anni (Napoli - Scampia), Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana: "Per il suo quotidiano e instancabile impegno nella promozione della legalità e nel contrasto al degrado sociale e culturale" Laureato in filosofia, dal 1998 lavora come operatore sociale nel ruolo di educatore di strada e di comunità. Socio fondatore, nel 2008, dell'associazione (R)esistenza Anticamorra (di cui è Presidente) e, nel 2012, della Cooperativa sociale (R)esistenza (di cui è legale rappresentante). Così descrive il suo impegno: "(R)esistenza ha sempre avuto una idea di sociale differente, un sociale non assistenziale ma responsabile. Pensiamo che sia dal basso che si producano gli anticorpi per contrastare malapolitica e camorra. Mostrando alla gente nuovi modelli di sviluppo e generando una possibilità di scelta. Quella possibilità di scelta che per tanti anni è mancata. È solo vivendo il territorio che si fa antimafia".

Attraverso l'associazione gestisce anche il Fondo Rustico Amato Lamberti, il primo bene agricolo confiscato di Napoli sul quale vengono ora prodotti vino, miele, confetture e birra artigianale secondo la logica dell'agricoltura sociale (in particolare, ad esempio, con percorsi lavorativi individualizzati per detenuti).

È diventato un punto di riferimento per quanti resistono alla criminalità organizzata, ha creato uno sportello anti-camorra ed è coordinatore del polo socio-culturale intitolato a Gelsomina Verde, giovane ventiduenne vittima della camorra.

Così inizia il suo libro "(R)esistere a Scampia (edito nel 2019)": "sono nato e cresciuto a Scampia e spero anche di morirci, di morte naturale e il più tardi possibile". È un libro che denuncia le difficili condizioni di vita di quella periferia napoletana ma che vuole anche mostrare che esiste un'altra faccia della medaglia. Racconta in tal senso: "la camorra non è mai entrata in casa mia, nonostante l'avessi così vicina, nel mio stesso palazzo e in famiglia. (..) non è stato facile da ragazzo sfuggire alle maglie della criminalità organizzata, alle lusinghe di un guadagno facile e a una strada lastricata di droga e morte. Io ho scelto un'altra strada e come me tanti altri a Scampia. Non ho scelto la strada della camorra e neppure quella della fuga. Ne ho scelto una terza: quella di restare, di resistere ed esistere".

- Enrico Parisi, 28 anni (Corigliano-Rossano - CS), Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana: "Per il suo appassionato contributo alla promozione di pratiche di sostenibilità sociale, ambientale ed economica" Giovane imprenditore. Dopo la Laurea in economia aziendale e management alla Bocconi di Milano e l'esperienza in Brasile con la Camera di Commercio di Rio de Janeiro nel settore vitivinicolo, nel 2016 ha scelto di ritornare in Calabria a lavorare nell'azienda di famiglia che produce olio biologico "D.O.P Bruzio Colline Ioniche Presilane" da tre generazioni.

All'interno dell'azienda ha creato "+ che olio coltiviamo cultura", una sezione che, nell'ambito della responsabilità di impresa, mira alla realizzazione di progetti di sostenibilità sociale, economica ed ambientale.

Ha inaugurato, in collaborazione con la cooperativa "I figli della luna" , il primo orto sociale di Corigliano Rossano. Il motto dell'orto sociale è "crescere insieme per crescere meglio"; piante di pomodori e peperoni sono state utilizzate come strumento di "pedagogia agricola". Inoltre, in un'ottica di economia circolare, i loro frutti, confezionati al momento della loro maturazione, sono venduti per finanziare la cooperativa.

Dal 2017 al 2019 è stato il delegato provinciale di Giovani impresa Coldiretti Cosenza.

- Nicoletta Cosentino, 49 anni (Palermo), Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana: "Per il suo esempio di reazione e per il contributo offerto nella promozione di una cultura di contrasto alla violenza sulle donne e di recupero delle vittime di abusi" Vittima di violenza domestica, dopo un percorso di recupero intrapreso nel centro antiviolenza Le Onde Onlus di Palermo, riesce a superare una storia personale di abusi e a ricostruire la propria vita. Frequenta uno stage formativo presso un laboratorio di produzione alimentare che la porterà a ricostruire e riscoprire sé stessa e anche la sua passione per la cucina. Da qui l'idea di avviare un'attività imprenditoriale: grazie anche al supporto della rete Di. Re. (Donne in rete contro la violenza) ottiene la copertura per un finanziamento da Banca Etica e crea "Le Cuoche Combattenti", un laboratorio artigianale di conserve e prodotti da forno. Attraverso questa iniziativa mette a disposizione delle altre donne il suo difficile trascorso ma soprattutto la sua esperienza di riscatto e lancia un messaggio di incoraggiamento e di speranza per quante ancora non hanno il coraggio di fuggire da una vita violenta.

Nel suo laboratorio coinvolge otto donne sottratte alla violenza, non solo fisica, ma anche psicologica e familiare; offre loro stage formativi e lavoro come presupposto per riacquistare libertà, dignità e indipendenza economica e riprendere così il controllo delle proprie vite. Il suo motto è "mai più paura, mai più in silenzio, non siamo vittime, ma combattenti". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie