Un Basquiat di Giammetti all'asta da Christie's

a maggio duello con Sotheby's, tra boom opere artista

Redazione ANSA NEW YORK

(di Alessandra Baldini) (ANSA) - NEW YORK, 28 APR - Due Basquiat rivali vanno all'asta a New York: tra questi, l'11 maggio da Christie's il grande "In Any Case" di Giancarlo Giammetti: un grande teschio del 1983, con una stima della vigilia di 50 milioni di dollari.
    Il dipinto da 14 anni appartiene al collezionista italiano cofondatore con Valentino Garavani della maison Valentino, che l'aveva acquistato nel 2007 dal gallerista newyorchese Larry Gagosian e poi appeso nella penthouse con spettacolare vista su Central Park dove fu fotografato nel 2013 dalla rivista "Architectural Digest" assieme a pezzi di una vasta raccolta comprendente un altro Basquiat, e poi opere di Marc Rothko, Richard Prince, Anselm Kiefer, Picasso e David Hockney.
    In precedenza "In Any Case" era stato venduto da Sotheby's nel novembre 2002 per 999.500 dollari: in quasi due decenni, l'attuale stima di Christie's rappresenta un incredibile aumento del valore di ben 50 volte. E a testimonianza dell'interesse dei collezionisti per Basquiat, il quadro di Giammetti non e' il solo Basquiat al centro delle aste newyorchesi di primavera: il 12 maggio Sotheby's mettera' in vendita "Versus Medici", che l'enfant prodige della Street Art completo' nel 1982, lo stesso anno di "Untitled", il monumentale teschio acquistato nel 2018 per 110,5 milioni di dollari dal miliardario giapponese Yasuku Maezawa.
    Sotheby's ha valutato il "suo" Basquiat tra i 35 e i 50 milioni di dollari: "Sara' un duello di Basquiat contro Basquiat. Sono entrambi grandi quadri", ha detto il gallerista e collezionista Alberto Mugrabi davanti alla possibilita' che tra due settimane entrambe le opere entrino nell'Olimpo dei quadri piu' costosi dell'artista, morto nel 1988 a soli 27 anni.
    "In Any Case" e' immediatamente riconoscibile ai conoscitori: tra 1981 e 1983 il giovanissimo artista completo' una trilogia di teschi su larga scala, ha detto na Maria Celis, capo del dipartimento di arte contemporanea di Christie's, secondo cui "come espressione finale della serie, e' il piu' crudo, e viscerale e pieno di carica emotiva".
    Il quadro, che nel 2017 Giammetti presto' per la grande retrospettiva alla Fondazione Louis Vuitton di Parigi, e' ispirato all'uccisione del giovane writer afro-americano Michael Stewart da parte della polizia. Come spesso accade per capolavori "trofeo" offerti all'asta, sara' fatto girare per il mondo prima della data della vendita: tappa d'obbligo, Hong Kong, la capitale orientale dell'arte contemporanea, dove e' forte l'appetito per i quadri di Basquiat e dove a marzo un altro quadro dell'haitiano-americano, "Warrior" del 1982, e' stato battuto per 41,9 milioni di dollari: un prezzo record per un'opera d'arte occidentale venduta in Asia. Un altro Basquiat da 100 milioni di dollari e' stato venduto privatamente durante la pandemia dal collezionista Peter Brant al fondatore dell'hedge fund Citadel, Ken Griffin. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie