Emilia-Romagna
  1. ANSA.it
  2. Emilia-Romagna
  3. Uccisa al parco: pm contesta anche violenza sessuale

Uccisa al parco: pm contesta anche violenza sessuale

Stalker era stato rimesso in libertà dopo il patteggiamento

"È stata contestata anche la violenza sessuale" tra le ipotesi di reato formulate dalla Procura di Reggio Emilia. È quanto emerge, al termine dell'udienza di convalida, dalle parole di Alessandra Bonini, avvocata difensore del 24enne Mirko Genco, reo confesso dell'omicidio della 34enne Cecilia Juana Hazana Loayza, ammazzata a coltellate in un parco di Reggio Emilia nella notte fra venerdì e sabato scorso. "Aspetterei l'autopsia, prima di commentare questa ipotesi di reato. Anche a detta anche della pm, non c'è certezza che vi sia stata violenza", ha detto l'avvocata: l'indagato avrebbe parlato di rapporto consenziente.

"Un soggetto socialmente altamente pericoloso". Così la sostituto procuratrice Maria Rita Pantani, titolare dell'inchiesta, ha descritto il 24enne Mirko Genco motivando la richiesta di convalida dell'arresto in udienza. La Procura formula l'ipotesi di omicidio con tre aggravanti: futili motivi, minorata difesa della vittima e recidiva stalking. Inoltre, tra i capi d'imputazione, oltre alla violenza sessuale, vi sono anche porto abusivo d'armi, violazione di domicilio e appropriazione indebita delle chiavi riguardo al fatto che Genco, stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, è entrato in casa della vittima per prendere il coltello utilizzato poi per ammazzare la donna. "La premeditazione al momento non è stata contestata - ha aggiunto Alessandra Bonini, avvocata difensore - Il coltello d'altronde non se lo è portato da casa".

"Un giudice non ha poteri di chiaroveggenza, non può sapere ciò che accadrà dopo, stante la imprevedibilità delle reazioni umane". Lo dice all'ANSA la presidente del tribunale di Reggio Emilia Cristina Beretti, sul caso di Juana Cecilia Loayza, uccisa dall'ex, libero con la condizionale dopo il patteggiamento dello stalking. Quanto accaduto "non è altro che ciò che accade in decine e decine di processi per reati analoghi". Pm e giudici "applicano la legge, applicano misure cautelari richieste dal Pm calibrando le scelte a seconda del caso concreto, condannano alla pena che appare equa in relazione al caso sottoposto al loro vaglio".

Le valutazioni che un giudice è chiamato a compiere, prosegue il ragionamento Beretti, "devono essere le stesse per tutti: comprensione del contesto, accertamento del fatto, applicazione della norma. Diversamente - continua Beretti - si dovrebbero prevedere categorie di autori per i quali i principi costituzionali non sono applicabili e, questo, è contrario ad un sistema penale di una società liberal democratica". L'indagato, Mirko Genco "era persona priva di precedenti penali", ricorda Beretti. "È stato sottoposto a misura cautelare, gli è stata applicata la pena di due anni di reclusione, aveva iniziato la frequentazione di un centro di recupero, condizione necessaria per poter avere la sospensione condizionale della pena".

La presidente dell'ufficio giudiziario reggiano, poi, definisce "gravissimo", quanto accaduto, cioé "la soppressione di una vita da parte di un altro essere umano è quanto di più grave possa esservi". Ma "da qui a cercare responsabilità o capri espiatori su chi non ha fatto altro che applicare la legge, come accade ogni giorno nei tribunali per fatti del tutto analoghi e che nella stragrande maggioranza dei casi hanno epiloghi del tutto differenti, credo che ce ne corra", afferma.

"Il discorso sarebbe molto lungo perché far comprendere cosa significhi davvero il mestiere di giudice, cosa ci sia dietro ad ogni decisione, quale sia il travaglio che accompagna ogni provvedimento, mi rendo conto che sia impresa sempre più ardua", conclude Beretti.

"E' stata contestata anche la violenza sessuale" tra le ipotesi di reato formulate dalla Procura di Reggio Emilia. È quanto emerge, al termine dell'udienza di convalida, dalle parole di Alessandra Bonini, avvocato difensore del 24enne Mirko Genco, reo confesso dell'omicidio della 34enne Cecilia Juana Hazana Loayza, ammazzata a coltellate in un parco di Reggio Emilia nella notte fra venerdì e sabato scorso. "Aspetterei l'autopsia, prima di commentare questa ipotesi di reato. Anche a detta anche della pm, non c'è certezza che vi sia stata violenza", ha detto l'avvocato: l'indagato avrebbe parlato di rapporto consenziente.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie